IL BANKSY PIEVESE. STREET ART NELLA NOTTE DELLA SUPERLUNA

mercoledì 08th, aprile 2020 / 11:24
IL BANKSY PIEVESE. STREET ART NELLA NOTTE DELLA SUPERLUNA
0 Flares 0 Flares ×

Notte particolare quella di ieri a Città della Pieve, frastornata e spaventata dallincendio avvenuto nella casa di Mario di Draghi che per fortuna non ha causato danni a persone.

Ma, complici i bagliori della super luna, nella cittadina del Perugino è avvenuto anche altro. Un fatto magico. Un ignoto street artist ha lasciato tracce di bellezza nella cittadina di Città della Pieve, tappezzando cassette della luce e del gas con manifesti che raffigurano immagini artistiche rivisitate in tema Coronavirus.

Stamattina i cittadini pievesi che sono andati a lavorare o a fare le fugaci commissioni necessarie, previste dal Dcpm, hanno scoperto nei pressi delle loro abitazioni alcune delle opere, e hanno iniziato a postarle su Facebook.

La meraviglia è stata immediata così come la realizzazione che lo sconosciuto artefice ha agito in più aree della cittadina. Oltre a riprendere note raffigurazioni artistiche, alcuni manifesti riportano frasi latine di incoraggiamento e speranza per resistere con più forza a questo drammatico momento della storia.

Gli amministratori di alcune tra le pagine più attive di Città della Pieve – Città della Pieve Viva, Il Moggio – hanno quindi invitato i cittadini a inviare le foto dei diversi manifesti per condividerne la bellezza e permettere a tutti di vederle senza dover uscire di casa.

La scelta delle opere da riprendere che includono, finora, anche un fumetto stile Lichtenstein , l’accurato lavoro di rivisitazione, l’impegno nella produzione dei manifesti e la scelta di frasi latine famose sì ma non per tutti, fanno pensare ad un lavoro meticolosamente pianificato e ad un autore che ha familiarità tanto con l’arte quanto con le lingue antiche.

Non è mancata la goccia vagamente polemica di chi si è chiesto se l’ignoto avesse il permesso di affiggere, ma è stato un caso isolato. Lo stupore e la bellezza hanno avuto il sopravvento.

E forse l’anonimato dell’autore favorisce quel pizzico di magia che in tempi bui, ma anche perchè no, in tempi di normali e frenetiche routine, diventa cibo dell’anima.  Ci auguriamo, a questo punto, una bella operazione di conservazione dei manifesti da parte del Comune di Città della Pieve, a testimonianza del potere salvifico dell’arte e della bellezza, del germe di creatività che sempre si annida nelle reti di una crisi.

Elda Cannarsa

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
,