REGIONALI UMBRIA: LETTERA APERTA AGLI AMICI E COMPAGNI DI UNA VITA…

giovedì 24th, ottobre 2019 / 18:15
REGIONALI UMBRIA: LETTERA APERTA AGLI AMICI E COMPAGNI DI UNA VITA…
0 Flares 0 Flares ×

Nel maggio del 1879 l’anarchico Andrea Costa scrisse sul giornale “La plebe” di Lodi la famosa “lettera ai miei amici di Romagna”, con la quale lo stesso Costa proponeva di accantonare le prospettive rivoluzionarie e insurrezionali immediate, per puntare al radicamento del movimento socialista tra le masse popolari. Non una deposizione delle armi, ma un cambio di strategia politica. Andrea Costa è una delle figure di riferimento universali del pensiero di sinistra. Certamente molti  se la saranno dimenticata. Sembra roba da film, ormai.

Ma, come fece Andrea Costa nel 1879, vorrei scrivere due righe ai miei amici e compagni di una vita. Di Toscana e Umbria e non di Romagna. Ma cambia poco.

Tra qualche giorno in Umbria si vota per eleggere il presidente e e il consiglio regionale. La destra salviniana e fascio leghista vuole “prendersi l’Umbria”. E’ legittimo, per carità…

Ma io mi chiedo: i miei amici e compagni d una vita, se votassero in Umbria domenica, come voterebbero?

E mi scuseranno se li chiamo per nome. Ma il test è importante. E’ – dicono – un test nazionale.  E allora dai, diciamolo come la pensiamo, cazzo!

Qualcuno lo ha fatto. Bettollini e i suoi assessori, ad esempio si sono schierati per Bianconi, pur non essendo umbri. Si sono spesi per dare una mano. Per Bianconi si sono espressi anche gli ex sindaci pievesi Fonti, Giovagnola, Fallarino e Manganello. L’ex sindaco castigionese Primi. E il sindaco attuale del paese lacustre Burico. E quello di Panicale Cherubini.

Ma al di là dei ruoli istituzionali, mi piacerebbe sapere come la pensano e come voteranno anche Ilaria Gabrielli  Fabiana Bellini, Claudio D’Arienzo dei 5 Stelle Pievesi, o come voterebbero  i miei amici storici Luciano Fiorani e Carlo Sacco (che sono di origini umbre e sono vicini ai 5 Stelle chiusini), o anche un altro amico, come l’ex sindaco pievese Fausto Scricciolo. O, ancora, Luca Scaramelli, leader dei podemos chiusini, ma operatore sanitario in  terra pievese…

Sarebbe interessante sapere ad esempio come la pensano e come voteranno quei candidati, diventati consiglieri e assessori della lista Risini a Città della Pieve, che in campagna elettorale, a maggio, dissero che loro erano e rimanevano di sinistra ( Nocentini, Fatichenti, Parretti, Marchegiani…) e anche come voterà il sindaco Fausto Risini..

Mi  piacerebbe sapere come voterà Gianni Fanfano. E anche Ettore Serpico. E Maria Luisa Meo

Insomma gente che si è esposta in passato e che non può ora stare sull’albero a cantare. O sottocoperta in attesa che passi la bufera.

Forza amici e compagni, diciamolo come la pensiamo, senza nasconderci dietro a un dito. Qualunque sia il pensiero sarà sempre meglio del silenzio, no?

Io, se fossi cittadino umbro, voterei per Bianconi e per  un candidato della lista Sinistra civica e verde. Voi?

Marco Lorenzoni

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica