MONTEPULCIANO, IL “GURU” CHE SPILLAVA SOLDI E SESSO AI SUOI PAZIENTI. UNA SETTA O SOLO UNA COPPIA DI MARIUOLI?

domenica 23rd, agosto 2020 / 12:35
MONTEPULCIANO, IL “GURU” CHE SPILLAVA SOLDI E SESSO AI SUOI PAZIENTI. UNA SETTA O SOLO UNA COPPIA DI MARIUOLI?
0 Flares 0 Flares ×

MONTEPULCIANO – Di storiacce come questa è pieno il mondo e sono piene le cronache. Ma quando la cosa capita nei dintorni di casa, fa sicuramente più effetto. La storia in questione è quella di un uomo e una donna che con la promessa di “sviluppare l’energia positiva”, manipolavano delle persone fragili, spillando loro montagne di soldi e facendole diventare addirittura oggetti sessuali. Tutto ciò è successo a Montepulciano, l’uomo e la donna sono denunciati. Lui è finito ai domiciliari, lei ha ora l’obbligo di dimora nel comune di residenza, la città del Poliziano, appunto. Si chiamano Andrea Paolini, 46 anni e Stefania Fabbro, 50. Insieme avevano fondato una associazione, la Nautilus Xenolid, che sulla carta si occupava di “medicina alternativa”. In realtà era una macchina per accumulare denaro e assicurarsi prestazioni sessuali. Tramite la suddetta associazione la coppia avrebbe raggirato almeno una decina di persone. Questo ciò che è stato già accertato, ma potrebbero non essere le sole, il numero delle vittime potrebbe salire ulteriormente, le indagini della Procura sono ancora in corso.

I capi di accusa sono violenza sessuale ed esercizio abusivo della professione di psicologo psicoterapeuta. A Paolini viene contestato anche l’esercizio abusivo della professione medica, per aver visitato pazienti affetti da gravi patologie pur non avendone alcun titolo. L’associazione faceva leva sulle fragilità delle persone che ad essa si rivolgevano, magari dopo traumi e lutti familiari, separazioni complicate e dolorose…

In sostanza i due creavano situazioni di fidelizzazione morbosa con i loro “pazienti” o adepti, come fanno le sette, e in effetti ad intervenire è stata la “squadra anti sette” della Procura, dopo la testimonianza di una madre, che preoccupata per l’atteggiamento della figlia, aveva scoperto un versamento di 8.000 euro a favore dell’associazione Nautilus Xenolid e poi aveva cominciato ad indagare, mischiandosi pure alle persone “in terapia”…

Secondo i riscontri della Procura la coppia propugnava teorie farneticanti con riferimenti al film Matrix, e in particolare Paolini assumeva atteggiamenti da “guru” capace di liberare le persone dal male di vivere e dalle presenze occulte che influiscono nella mente di ognuno… I pazienti diventavano così degli automi nelle mani del Guru e della sua compagna-complice… Sembra un film di quelli di serie B, ma è tutto vero.  Il sesso faceva parte della terapia. Terapia che cominciava sempre con un corso di 65 ore per il prezzo di 1.500 euro… Durante uno di questi corsi, svoltosi in un resort nei pressi di Volterra una ragazza sarebbe stata abusata di fronte agli altri partecipanti. Paolini l’avrebbe avvicinata e trattenuta con la forza, dicendo che quell’atto serviva ad “accelerare il percorso evolutivo”. 

Insomma un bel mix di stupidaggini, miste però a plagio e in qualche caso anche a violenza, o coercizione per tirar su soldi in modo facile e rapido e unire all’utile anche il dilettevole del sesso – anche brutale – contrabbandato come “passo necessario” ed elemento terapeutico.  Con l’aggravante di abusare della debolezza e fragilità di persone in momentanea difficoltà personale e alla ricerca di soluzioni…

Certo, la credulità di certe persone, la loro debolezza di pensiero ha certamente contribuito e la coppia non si è fatta pregare per approfittarne, ma a dirla tutta i due non hanno avuto nemmeno troppa fantasia. Letteratura e cinema hanno fornito tanti esempi in tal senso. La citazione di “Matrix” da parte del Guru è emblematica, ma più che d Eyes Wild Shut opera ultima e film uscito postumo di Stanley Kubrick, la vicenda della setta poliziana fa pensare più a qualche filmetto di Rocco Siffredi e Valentina Nappi.

m.l.

 

Nella foto: una scena del film “Eyes wild shut ” di Kubrick
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica