PARTIGIANA DI ORIGINI CHIUSINE MUORE A PONTREMOLI A 95 ANNI.

lunedì 10th, luglio 2017 / 19:15
PARTIGIANA DI ORIGINI CHIUSINE MUORE A PONTREMOLI A 95 ANNI.
0 Flares 0 Flares ×

Aveva origini chiusine Laura Seghettini, morta oggi a Pontremoli all’età di 95 anni. Con il nome di battaglia “Mercedes” fu Vicecomandante della XXII Brigata Garibaldi “Fermo Ognibene” di Parma. Nel Maggio 1944 in Lunigiana le formazioni partigiane combatterono contro i nazi-fascisti una guerra senza quartiere.

Laura SegehttiniI nata il 21 Gennaio del 1922, da padre chiusino, è una giovane maestra proveniente da una famiglia di idee socialiste. Era da poco tornata profuga dalla Libia perché oppositrice irriducibile del fascismo, quando, per sfuggire all’ennesimo arresto, fugge in montagna e si aggrega ai “ribelli” del Distaccamento “Picelli” operante nell’appennino Tosco-Emiliano.

Durante i venti mesi della Lotta di Liberazione, diviene Vice-comandante della XII Brigata Garibaldi “Fermo Ognibene” di Parma, cosa non comune per una donna, e vive l’esperienza drammatica e dolorosa della condanna a morte e della fucilazione del suo compagno Dante Castellucci detto Facio (il calabrese della Banda dei sette Fratelli Cervi) ad opera di altri partigiani.

Laura per anni, dopo quell’episodio,  studiò la sentenza e cercò le testimonianze e le prove che potessero scagionare “Facio” e le trovò. Denunciò il comandante che ne ordinò la fucilazione Antonio Cabrelli, il quale però se la cavò grazie all’amnistia voluta da Togliatti dopo la Liberazione.  Ma quella storia ha segnato tutta la sua vita.

Laura Seghettini aderì al PCI e fino all’ultimo è stata dirigente dell’ANPI. Nel Maggio del 2005 è stata insignita del titolo di Commendatore dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

La storia di Dante Castellucci ricorda abbastanza da vicino quella del partigiano Joseph Kluczinj  detto “Beppe il Polacco” fatto fucilare i primi di giugno del ’44, dal comandate della brigata Simar  Silvio Marenco, operante tra il Monte Cetona e la Valdorcia, per divergenze sul tipo di guerriglia da attuare e forse anche per motivi personali. Una pagina oscura della Resistenza, a differenza del caso Castellucci, mai chiarita fino in fondo.

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
, ,
Mail YouTube

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...