CHIUSI, SULLO STOP AL FESTIVAL I 5 STELLE ACCUSANO GIUNTA E FONDAZIONE DI “FUGA DAL CONFRONTO”

lunedì 29th, maggio 2017 / 16:09
CHIUSI, SULLO STOP AL FESTIVAL I 5 STELLE ACCUSANO GIUNTA E FONDAZIONE DI “FUGA DAL CONFRONTO”
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – Sulla vicenda della chiusura del festival Orizzonti, dopo la dura reazione dell’attore e regista Roberto Latini di cui diamo conto in altro articolo, si registra anche la prima presa di posizione politica. Arriva dal Movimento 5 Stelle che ha diffuso questa nota via social:

A dieci giorni dal Consiglio comunale i nostri amministratori, quelli avvezzi a “metterci la faccia”, ancora non si sono degnati di spendere una parola chiara sul destino del Festival Orizzonti. Non l’ha fatto il sindaco Bettollini, neppure il Presidente della Fondazione (sempre Bettolini) e neanche l’assessore Lanari.
In Consiglio comunale il Sindaco, incassati i pieni poteri per il risanamento della Fondazione grazie al voto della sua maggioranza, si è guardato bene dal rispondere sul futuro del Festival; ha svicolato dicendo che “si farà quel che ci scappa”.
Eppure Primapagina ha dato la notizia della chiusura del Festival subito dopo il Consiglio comunale, Chiusiblog ha scoperto la questione con una serie di articoli, sui social ci sono stati commenti e prese di posizione, in paese tutti ne parlano ma loro niente.
Nel fine settimana c’è stata la dura reazione dell’attore Roberto Latini incaricato dell’allestimento della “compagnia del Festival”, che aveva già provveduto alla selezione dei partecipanti da oltre 400 domande e a un primo incontro al Mascagni.
Latini afferma di aver ricevuto la notizia della chiusura del Festival sia dal direttore artistico, Andrea Cigni, che dal presidende della Fondazione, Juri Bettollini… di essere molto arrabbiato(il termine giusto sarebbe inca…o) e di vergognarsi per la situazione in cui l’hanno cacciato.
I cittadini di Chiusi, quelli che mettono i soldi, invece continuano a non essere tenuti nella minima considerazione. Come se questo disastro non avesse ripercussioni negative sulla città.
Solo per fare i proclami trovano modo e tempo ma quando ci sono i problemi seri (che loro stessi hanno creato) scappano.
I due massimi responsabili di questa situazione (Scaramelli e Bettollini) hanno pensato bene di rifugiarsi in un imbarazzato silenzio.
I debiti della Fondazione certificano la loro incapacità di governare e la loro prosopopea ma la chiusura del Festival, sic et simpliciter, è un grave e ulteriore danno per la città dettato dalla paura e dall’incapacità di discutere con la popolazione per trovare soluzioni meno traumatiche.
Il tempo è galantuomo e con le furbate e i circoli degli amici si va poco lontano. E’ sempre stato così e lo è anche in questa circostanza”.

Fin qui il comunicato dei 5 Stelle.  Che però, come si vede, pur criticando l’attegiamento della giunta e della Fondazione accusando entrambe di fuga dal confronto, non si spingono oltre. Non chiedono le dimissioni del sindaco, per dire, neanche come iniziativa politica per sollevare la polvere che è sotto il tappeto.  Vedremo se la presa di posizione dei pentastellati riuscirà far uscire i lupi dal bosco, come si suol dire…  Al momento sembra più una presa d’atto di una situazione incresciosa che avrà “ripercussioni negative sulla città”. E un j’accuse netto, ma piuttosto sommesso, non urlato,  nei confronti del sindaco-presidente, del suo precedessore Scaramelli e dell’assessore alla cultura, oltre che della Fondazione. I 5 Stelle hanno fatto sapere che ci sono. In giorni di silenzio è già qualcosa…

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
, ,
Mail YouTube

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...