CHARLIE HEBDO: TRA LE VITTIME FRANCESI ANCHE UN ECONOMISTA NO GLOBAL

venerdì 09th, gennaio 2015 / 17:43
CHARLIE HEBDO: TRA LE VITTIME FRANCESI ANCHE UN ECONOMISTA NO GLOBAL
66 Flares 66 Flares ×

Tra le vittime dell’attentato terroristico nella redazione di Charlie Hebdo a Parigi figura anche Bernard Maris. Che non era un vignettista, né un giornalista. Piuttosto un economista e azionista della testata satirica. Un economista “no global”, una delle voci critiche più autorevoli nei confronti dell’euro e della politica economica e monetaria europea.

“Tutti i paesi europei dovranno prima o poi rassegnarsi a cancellare parte del loro debito pubblico. Bisogna rinegoziarlo quando supera il 60% del PIL per potere rispettare di nuovo i criteri di Maastricht. I creditori e quindi le banche dovranno chiaramente fare uno sforzo importante. Anche i grandi paesi come Germania e Francia. E’ l’unico modo per consentire agli Stati dell’eurozona di rilanciare l’economia. Senza crescita non riusciranno ad affrontare il debito pubblico, come è successo ai paesi africani per diversi decenni, rimborseranno per l’eternità un debito che soffocherà l’Europa. E’ pertanto l’unico modo per evitare anni di ristagno dell’economia come in Giappone o nel Portogallo. L’unico modo anche per evitare un grosso crollo del potere di acquisto delle famiglie e dei conflitti sociali principali. La scelta della Germania rovinerà anche la sua economia a lungo termine. Non è un circolo virtuoso ma un circolo vizioso. Preferisce ridurre il livello di vita dei tedeschi pur di essere competitiva. Questa politica come quella della Costa D’Avorio negli anni ’60, si chiama la “crescita che impoverisce”.

Così parlava Bernard Maris, economista della Banque de France, morto ammazzato ieri a Parigi durante l’attentato a Charlie Hebdo. Forse i terroristi islamici non lo sapevano nemmeno e hanno sparato nel mucchio… Ma la cosa puzza assai come la morte degli studiosi francesi anti Aids. Nell’abbattimento di un aereo in Ucraina… Forse solo coincidenze, ma piuttosto strane…

66 Flares Twitter 1 Facebook 65 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 66 Flares ×
Mail YouTube

No Banner to display

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...