CHIUSI: PALASPORT, FRECCIAROSSA, INCOMPIUTE… MA LA POLITICA CHE FINE HA FATTO?

lunedì 26th, agosto 2019 / 17:13
CHIUSI: PALASPORT, FRECCIAROSSA, INCOMPIUTE… MA LA POLITICA CHE FINE HA FATTO?
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – A margine dell’articolo di qualche giorno fa su alcune opere pubbliche in cantiere, il capogruppo dei Podemos Luca Scaramelli ha commentato : “In un intervista su Primapagina dell’autunno 2017 si legge che il palasport aprirà nella primavera successiva… L’intervista era al sindaco!” Forse Luca Scaramelli voleva insinuare che l’articolo era benevolo. E non teneva conto di dichiarazioni precedenti. E soprattutto del ritardo di certi interventi dell’amministrazione comunale. Diciamo “forse” perché non è chiarissimo. Ma questo sembra essere il senso del commento.

E ci sta. E vero infatti che l’apertura e la messa in funzione del nuovo Palasport sono in ritardo. Che a quest’ora la struttura doveva già essere funzionante e operativa. Almeno secondo le dichiarazioni rilasciate a suo tempo dal sindaco.  Ma se si tolgono quelle 4 righe di Primapagina, in cui di dice che senza la risposta plausibile dell’assessore Micheletti, la situazione attuale del Palasport (erba alta e incolta tutto intorno) avrebbe richiesto una “giornalata” come quella del 2012 sul depuratore o quelle sulle “incompiute”, non ci sembra di aver letto altre prese di posizione sui ritardi. Non ci sembra di aver visto interrogazioni, manifesti, volantini, post sui sociale delle opposizioni, compreso il gruppo che fa capo a Scaramelli.

Diciamolo: il Palasport è in ritardo. Su questo non ci piove. L’Amministrazione l’ha presa comoda… Ma l’assessore Micheletti qualche giorno fa, il sindaco in altre occasioni hanno sempre spiegato il perché dei ritardi e dei lavori a rilento… E le spiegazioni non sembrano scuse campate in aria giusto per prendere tempo. La sistemazione esterna ha richiesto tempi più lunghi perché sono stati ottenuti finanziamenti che hanno hanno avuto un tempo tecnico di “gestazione”. Ma dato che rispetto a quando il palasport nuovo fu pensato e messo in cantiere, non c’era l’urgenza dettata dala necessità di fornire un campo di gioco idoneo a qualche squadra, ci sta anche la “gestazione” lunga, anche perché si parla di finanziamenti governativi che evitano, almeno in parte di attingere ala casse comunali… All’epoca c’era ancora la Emma Villas Volley in ascesa travolgente, c’era la squadra secondaria di serie C della stessa Emma Villas, c’erano le giovanili, la femminile (prima squadra e giovanili) della Vitt. Sempre nel volley,  c’era la squadra di serie C messa su da Primapagina ed altri costretta ad andare a giocare a Città della Pieve:  c’era il basket, il calcetto, il Judo, la ginnastica… Il Palasport di Poggio Gallina era sul punto di esplodere e non riusciva a coprire tutte le esigenze…

Al momento a Chiusi, la Emma Villas non c’è più (è ormai tutta a Siena, anche le giovanili)  c’è una squadra di serie B2 Femminile (neo promossa) , c’è il basket e il calcio a 5… Non c’è – pare – sovraffollamento…

Il nuovo Palasport potrebbe interessare alla formazione femminile della Vitt e alla San Giobbe Basket (in egida Reyer Venezia), che sembra intenzionata a tentare una “scalata” come quella della Emma Villas. Micheletti ci ha detto che alcune società di livello nazionale sono venute a visionare la struttura per stages, tornei ecc. Ma non c’è fretta.

Certo se il palasport dovesse rimanere un’incompiuta, per Bettollini & C. sarebbe una debacle. E in vista delle elezioni del 2021, potrebbe essere devastante. Neanche un sindaco e  una giunta con un certo consenso potrebbe permettersi una cosa del genere. Non saranno così “polli” da lasciare incancrenire la situazione. Per cui a fine anno il palasport – crediamo – sarà in funzione.  Con un po’ di ritardo. Ma senza esborsi aggiuntivi. E sarà un bel gioiello da esibire e da sfruttare, per riconquistare una certa centralità, un nuovo appeal della città.

La stessa cosa vale per il Frecciarossa… se la fermata a Chiusi dovesse saltare già a settembre sarebbe una bella fregatura. Bettollini ha in tasca assicurazioni e promesse da parte delle Fs anche riguardo alle “tracce orarie” da settembre a dicembre… ma qualche dubbio sul fatto che la sperimentazione finisca qui c’è…  dati relativi all’utenza sembrano incoraggianti… tra i 50 e i 60 passeggeri al giorno. Più che altro la mattina. Non è poco per una stazione periferica come Chiusi e in quegli orari… Al rientro dalle ferie, per il sindaco chiusino questo sarà un banco di prova. E’ vero che la fermata non è costata niente (non come Perugia su cui ha investito la Regione), che se anche fosse solo estiva sarebbe già qualcosa. Ma visti i proclami e le iniziative a sostegno della fermata, se questa venisse meno, sarebbe ovviamente una sconfitta… Ricordiamo dirigenti delle Fs che parlarono, a giugno, della fermata attiva fino a dicembre. Anche Trenitalia non potrà far finta di niente, rimangiandosi le dichiarazioni fatte.

Riguardo alle incompiute, noi segnaliamo ancora quello che doveva essere il “Centro merci” finanziato dal Patto territoriale per oltre 2 milioni e mezzo di euro e tutt’ora consistente in una strada mezza fatiscente che finisce nel nulla. Anche su questa questione Bettollini & C. prima o poi dovranno metterci le mani. Su questo tasto, però, anche  le opposizioni, che pure ne parlarono in campagna elettorale nel 2016, sembrano aver perso la memoria… 

Ecco: Palasport, incompiute (centro merci), fermata del Frecciarossa. Tre temi sui quali la politica potrebbe fare fronte comune per trovare soluzioni plausibili a vantaggio della comunità, oppure potrebbe aprire un confronto tra posizioni e proposte diverse. Un commento acidulo sui social non esaurisce la materia… Pd, Podemos e 5 Stelle si mettano intorno ad un tavolo e ne parlino. Oltre i gruppi consiliari. Se emergeranno posizioni e proposte inconciliabili, prevarrà quella maggioritaria. Ma dal confronto potrebbero emergere anche idee condivisibili, suggerimenti utili, aperture parziali su cui lavorare… Dopo le ferie e le feste (Ruzzi e festa dell’Uva), si può ipotizzare un percorso del genere o è utopia?

m.l.

 

 

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica