CHIUSI, DA VENERDI’ A DOMENICA LA FESTA DELLA COSTITUZIONE: MIMMO LUCANO DA’ FORFAIT, MA IL PARTERRE E’ DI PRIM’ORDINE

CHIUSI, DA VENERDI’ A DOMENICA LA FESTA DELLA COSTITUZIONE: MIMMO LUCANO DA’ FORFAIT, MA IL PARTERRE E’ DI PRIM’ORDINE
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – Peccato, Mimmo Lucano, l’ex sindaco di Riace, l’icona dell’accoglienza e della solidarietà, domani non verrà alla festa della Costituzione in programma a Chiusi. Avrebbe dovuto parlare, insieme ad altri, alle 10 di mattina, in piazza Duomo. Proprio sui temi legati all’accoglienza. A Riace, il suo paese, alle elezioni di domenica scorsa ha vinto la Lega. Sì la Lega. In Calabria. Il che sembra un ossimoro. Una contraddizione in terminis. In Calabria vincono quelli che gridavano “terroni di merda”, “Forza Etna!” o “Vesuvio lavali col fuoco!”.  Ma il voto del popolo va rispettato. Lucano non è stato nemmeno eletto al consiglio comunale. Riace gli ha voltato le spalle. E da modello di Paese solidale e accogliente è diventato modello di rivincita, di vendetta su un sindaco che ha provato a integrare quei ragazzi venuti dal mare… Ragazzi più meridionali di loro, dei calabresi che sono quelli che stanno in fondo, più a sud nella penisola…

E’ stanco, provato, deluso, Mimmo Lucano e non ha voglia di parlare in pubblico. E’ comprensibile. Chi già scaldava i motori e la tastiera per aizzare la polemica contro l’ex sindaco di Riace, può stare tranquillo. Se la presenza di Lucano a Chiusi era un problema, il problema è risolto.

Peccato, lo ribadiamo, perché parlare con chi è stato e sta in prima linea è sempre istruttivo. Qualunque sia il suo seguito elettorale…  Verranno altri oratori alla festa dela Costituzione. Lucano non era l’unico previsto. Domani mattina, venerdì 31 l’incontro cui avrebbe dovuto partecipare Mimmo Lucano vedrà comunque la presenza di FLAVIO LOTTI, coordinatore nazionale della “Tavola della pace”, DON MASSIMO BIANCALANI, parroco di Vicofaro (PT), GIOVANNI VISONE, direttore della comunicazione per la Ong Intersos, l’on. ERASMO PALAZZOTTO, Segretario della Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema di accoglienza, di identificazione e di espulsione dei migranti.

Poi la festa proseguirà nel pomeriggio, la sera a cena in taverna e nei due giorni seguenti.

Sempre venerdì un’altra inziativa vedrà la presenza della presidente nazionale dell’Anpi CARLA NESPOLO, che parlerà dell’art.22 della Costituzione e del diritto alla cittadinanza: “perché nessun uomo sia straniero”.  E alle 21,00 in piazza Duomo MARCELLO PEZZETTI, Direttore del Museo della Shoah di Roma e UGO FOÀ, testimone delle Leggi antiebraiche del 1938 in Italia, parleranno delle leggi razziali …

Il 1 Giugno si parla ancora di Costituzione, e in particolare dell’art. 53 (legalità e giustizia fiscale). Tra gli oratori ROSY BINDI.

A seguire, dopo il saluto dei sindaci della Valdichiana, altro incontro su “Separazione dei poteri e prerogative del parlamento” con UGO DE SIERVO, Presidente emerito della Corte Costituzionale; ANNA FINOCCHIARO, Magistrato, ex Presidente Commissione affari costituzionali del Senato; MARIAROSARIA GUGLIELMI, Segretaria nazionale di Magistratura democratica. Domenica 2 giugno, in mattinata, incontro sulla “Legittima difesa” con Francesco “Pancho” Pardi del Coordinamento per la democrazia costituzionale e il senatore (ex 5 Stelle) GREGORIO DE FALCO. E ancora, la presentazione di due libri con gli auotori GIULIO CAVALLI e CHRISTIAN RAIMO. Infine la chiusura politica sul tema RESTARE PARTIGIANI DELLA COSTITUZIONE. Con GAETANO AZZARITI, giurista e politico, Professore ordinario di Diritto costituzionale, Università “La Sapienza” di Roma, LIDA MENAPACE, partigiana ed ex parlamentare, insieme al vignettista e polemista VAURO.

Il 2 Giugno il sindaco di Chiusi consegnerà, come ormai tradizione, una copia della Costituzione ai neo 18enni. “Sull’antifascismo non si discute” dice Bettollini. E sarà interessante vedere se ala festa parteciperanno anche i sindaci non espressione di giunte di centro sinistra e le opposizioni, dai 5 Stelle alle forze di centro destra, alle liste civiche.

La Festa della Costituzione è anche una festa, e come dicevamo, tutte le sere si può cenare nella taverna del Terziere S. Angelo con piatti tipici della tradizione umbro-toscana.

Non mancherà la musica: sabato 1 giugno, in piazza Duomo, dopo alcune letture fenogliane, con Paolo Cortes Cappelli voce narrante, concerto di  MASSIMO ZAMBONI  (ex CCCP e CSI). Domenica 2 Giugno, concerto della FILARMONICA DI CHIUSI, allo Scalo,  e chiusura della manifestazione, ancora in piazza Duomo con il “Concerto Resistente”. Sul palco due band:  LA JACQUERIE e i locali DUDES, freschi freschi del successo e degli apprezzamenti per lo spettacolo On the Road.Again, sul palco del Mascagni il 24 maggio scorso.  Dopo aver riarrangiato nell’occasione brani di Woody Guthrie, Bob Dylan e Bruce Springsteen, dovranno probabilmente rispolverare la loro versione di Bella Ciao in chiave rock  che fecero ascoltare due anni fa per il gemellaggio tra la sezione Anpi di Chiusi e la sezione Anpi Barona di Milano. Oltre naturalmente al loro repertorio.

Insomma per tre giorni da domani a domenica Chiusi diventa una piccola capitale dell’antifascismo e della difesa della Costituzione. Con discussioni, confronti, letture e concerti.  Si tratta di una iniziativa importante, di livello nazionale, non solo per la presenza di figure di rilievo della cultura, della politica, del giornalismo, ma anche perché il tema è attuale. E caldo.

Non sappiamo se gli organizzatori (Anpi Valdichiana e amministrazioni locali) abbiano pensato o meno di coinvolgere le scuole. Secondo noi sarebbe opportuno. Il vento che tira non è un buon vento. E un po’ di ripasso, male non fa…

M.L.

 

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×