UN SONDAGGIO DI PRIMAPAGINA: ARTE, VINO, PAESAGGIO, EVENTI… QUAL E’ LA MOLLA PIU’ EFFICACE PER IL DECOLLO DEL TURISMO?

giovedì 13th, dicembre 2018 / 18:16
UN SONDAGGIO DI PRIMAPAGINA: ARTE, VINO, PAESAGGIO, EVENTI… QUAL E’ LA MOLLA PIU’ EFFICACE PER IL DECOLLO DEL TURISMO?
0 Flares 0 Flares ×

La zona di competenza di primapagina è storicamente quella che sta a cavallo tra la Valdichiana senese, il Trasimeno e l’Orvietano. Questa era l’area di diffusione del giornale quando usciva nelle edicole. Adesso che è solo on line, il discorso è un po’ diverso. E Primapagina fortunatamente ha anche molti lettori nelle città più vicine (Siena e Perugia), ma anche in altre parti d’Italia, adesso basta un clic per leggere il nostro giornale, e si può fare anche da Roma, Milano o dall’America… In ogni caso il bacino di utenza principale resta quello “storico”, ovvero la Valdichiana, la zona del Trasimeno e l’ovietano. Una zona che dal punto di vista ambientale, paesaggistico e turistico è certamente tra le più “fotografate” e celebrate di tutta la penisola. Pochi altri territori possono vantare una così forte concentrazione di centri storici di grande pregio, costellati di vestigia archeologiche, di cattedrali, chiese, abbazie, catacombe  e luoghi di culto di assoluto valore. Il tutto in mezzo ad un paesaggio ricco anche di risorse ambientali come laghi, fonti e stabilimenti termali, piste ciclabili, percorsi storici (si pensi alla via Romea o alla Francigena) e terra di sapori e saperi antichi: dall’olio, al vino, ad una gastronomia che mixa la tradizione toscana con quella umbra.

Diciamo che questo territorio è pieno di città e paesi a forte vocazione turistica. Ma non tutte le città o i paesi vivono questa opportunità in egual misura. E anche a distanza di pochissimi chilometri le differenze appaiono abissali. Alcune località sono decollate e volano con numeri da città top: vedi Montepulciano, che ha visto un vero e proprio boom negli ultimi 10 anni. O Orvieto che ha una tradizione più antica. Pienza, nonostante le piccole dimensioni, è anch’essa un “gioiello” molto ricercato e apprezzato. Per un certo periodo sembrava volare anche Città della Pieve, adesso è un po’ in calo… Ogni città o paese punta su ciò che ha, naturalmente. Ed è chiaro che se hai un lago balneabile è più facile intercettare un certo tipo di turismo che è diverso da quello che invece cerca magari luoghi d’arte. Contano molto la posizione, il clima, l’accessibilità, ma anche la qualità del luogo dal punto di vista architettonico (Montepulciano e Pienza), così come conta avere qualche concittadino illustre del passato (il Perugino a Città della Pieve, per dire…), e conta molto la promozione, quella diretta fatta dai comuni, dalle pro loco, dalle associazioni e quella indiretta che arriva da film, fiction e serie Tv che diffondono l’immagine di un luogo a livello nazionale e anche internazionale: si pensi all’effetto “Carabinieri” su Città della Pieve nei primi anni 2000 o ai Medici per Montepulciano o San Quirico d’Orcia, ma anche a film come “Under the tuscan sun”, “Twilight”, o “Il paziente inglese” per Pienza e Montepulciano…

Ma una molla che attualmente sembra più efficace di altre è senza dubbio quella della gastronomia e in particolare del vino.  Nel successo di Montepulciano ad esempio il Vino Nobile ha forse una parte più importante del Poliziano… Orvieto ha il Duomo, certamente, ma anche l’Orvieto Classico incide. Così come a Cortona la bistecca di chianina se la gioca con il Signorelli…

Poi ci sono paesi che avrebbero molte carte da giocare, ma stentano ad entrare nei circuiti turistici: Chiusi ad esempio ha gli etruschi, un museo nazionale, ma ha anche le catacombe paleocristiane e una cattedrale molto importante, una delle prime della Toscana, ha il lago e il “pesce di lago” come eccellenza gastronomica, ma non ha un marchio noto nel mondo come può essere il vino Nobile di Montepulciano e quindi fa fatica. Insegue…

Per capire un po’ di più qual è la percezione della gente del fenomeno turistico nella zona, lanciamo sulla home page di questo sito, un rapido sondaggio. La domanda in sostanza è “quale è secondo te la molla più efficace per promuovere e far decollare il turismo”? Sotto alla domanda proponiamo 7 possibili risposte: 1)le vestigia archeologiche e i musei; 2) le chiese, le cattedrali e i luoghi religiosi; 3) il paesaggio e le risorse naturali; 4) la qualità architettonica e le risorse artistiche; 5) gli eventi culturali e di richiamo come le feste popolari, fiere e mercatini, concerti e festival, sport; 6) film, serie Tv e spot pubblicitari; 7) il vino e la gastronomia…

Per votare basta cliccare sulla risposta prescelta. E’ facilissimo. Tra un mese tireremo le somme. Nessuna pretesa di trovare la ricetta magica. Ma almeno di avere un quadro più chiaro circa l’opinione dei lettori sul tema, questo sì…  Votate!

 

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica