ALLARME MENINGITE IN TOSCANA. L’OPINIONE DI DUE ESPERTI

giovedì 24th, novembre 2016 / 16:08
ALLARME MENINGITE IN TOSCANA. L’OPINIONE DI DUE ESPERTI
0 Flares 0 Flares ×

Due casi mortali nel giro di pochi gironi per meningite in Toscana. E altri casi “sotto osservazione”…  Torna l’allarme che già era esploso nel 2015 per una serie di casi “oltre la norma” nell’area tra Firenze e la costa, soprattutto tra givani e giovanissimi, frequentatori di locali e discoteche… Adesso ci risiamo. Ma stavolta il batterio killer sembra colpire anche persone di età diversa. Cosa sta succedendo in Toscana? Dall’inizio del 2015 a oggi la meningite si è portata via 13 persone in Toscana: 7 il primo anno, 7 nel secondo (di cui uno di pneumococco). Nessuno era vaccinato, tranne uno. I casi di meningite da ceppo C – il più pericoloso – poi, in tutto, sono stati 58 in questi due anni, 31 nel 2015, 27 nel 2016. Le vaccinazioni, invece, hanno toccato il milione nella nostra regione.

Riportiamo di seguito uno stralcio di una intervista rilasciata al ‘Tirreno’, dal dott. Fabio Voller, coordinatore dell’osservatorio di epidemiologia dell’Agenzia regionale di sanità (Ars) Toscana. Secondo il quale «nella nostra regione si riuscirà a debellare la meningite quando almeno il 90 per cento dei giovani si sarà vaccinato». E, a seguire alcune considerazioni del nostro collaboratore Alessandro Lanzani, medico dello sport milanese…

Dottor Voller, perché dovrebbero vaccinarsi soprattutto i giovani?

“La fascia di età compresa tra gli 11 e i 20 anni è quella portatrice del batterio, perché notoriamente esce di più, frequenta luoghi chiusi, discoteche. Il batterio vive negli spazi chiusi, muore nell’ambiente e passa solamente con il passaggio di goccioline. Attualmente solo il 65% dei giovani di età compresa fra gli 11 i 20 anni è vaccinato: bisogna fare uno sforzo in più e vaccinarne un altro 20- 25%.”

La toscana è una delle regioni più colpite in Italia. C’è un perché? 

“Nella nostra regione è presente un batterio molto virulento, si chiama St11 e ha una letalità del 30%. Questo batterio ha specificità tutta sua: non crea infatti un numero elevato di portatori, ma passa in particolari condizioni cliniche o di immunodepressione dei soggetti e colonizza facilmente”.

Nelle altre regioni non c’è?

“Sì c’è, ma nelle altre regioni ci sono anche altre forme batteriche; in Toscana solo questa praticamente. Sono in gran parte identici i casi di meningite che abbiamo registrato nel nostro territorio, nel 90% dei casi è per il batterio St11”.

Ma da dove arriva o in che condizioni si crea?

“È una risposta difficile da dare, da dove viene è ancora più complicata. È una cosa che non riusciamo a capire nemmeno con gli studi che stiamo facendo. Nemmeno in Inghilterra riuscirono a capire nel ‘99 perché ebbero questo eccesso straordinario di meningite che poi hanno sconfitto con due anni di vaccinazioni nella popolazione 0 – 18 anni. Fino al 2003 si continuò ad avere casi, poi furono azzerati con la vaccinazione totale in quella fascia di età. Anche in Toscana abbiamo avuto casi di meningite C nel 2005 nella popolazione giovanile, che poi abbiamo ridotto per molti anni con la vaccinazione nei primi due anni di vita. Adesso colpisce poco la popolazione giovanile, che in genere è la principale popolazione target del batterio: questa volta invece sta colpendo una fascia più anziana. Abbiamo tante persone sopra i 40 anni, il 45%.”

Eppure è sempre stato detto che la popolazione giovanile fosse la più vulnerabile…

“È vero, ma perché questo è quello che ci ha sempre detto la letteratura scientifica. E anche questa è stata l’anomalia toscana: l’avere casi più anziani. È caratteristico di questo St11”.

Molti (non medici) collegano questa epidemia di meningite ai flussi migratori provenienti dall’Africa. È verosimile un collegamento?

“No, è da smentire nel modo più assoluto. Anche perché i Paesi a più grande diffusione di questo tipo di meningite, quelli della cintura africana centrale, sono quelli che hanno una prevalenza più bassa in Toscana, sia rispetto alle altre regioni sia rispetto alla composizione degli immigrati presenti nel territorio regionale. La maggior parte degli immigrati presenti nel territorio provengono da regioni dove non è presente questo batterio”.

E invece come si spiega che quasi tutti i casi di contagio si concentrino sull’Arno?

“Questa è solo una coincidenza dettata dalla statistica. Nella fascia dell’Arno ci abita un milione e mezzo di persone, quasi la metà di tutta la popolazione toscana. È facile che si verifichino casi. E comunque sono 58 casi, che dal punto di vista della sanità pubblica non è tanto. Consideriamo che abbiamo 400 morti di incidenti stradali all’anno”.

Quindi non c’è un vero allarme?

“L’allarme ovviamente c’è, perché la malattia può colpire i giovani e può avere conseguenze gravi. Quindi bisogna mandare il messaggio che è necessario vaccinarsi”.

Molti non si vaccinano perché hanno paura degli effetti che può avere…

“Questi vaccini sono totalmente testati, per cui le azioni avverse, quando presenti, sono infinitesimali nella popolazione. Non abbiamo mai avuto una segnalazione di una vaccinazione che ha dato qualche effetto alla popolazione. Questo però rimane l’unico metodo sicuro che abbiamo per essere immuni alla malattia. Poi, il vaccino ha bisogno tra i 20 e i 30 giorni per diventare efficace, quindi se uno entra in contatto col batterio in quel periodo può comunque contrarre la malattia. In ogni caso abbiamo verificato che, quando il batterio colpisce una persona che è vaccinata, le conseguenze sono sempre meno gravi”.

Sulla questione abbiamo sentito anche Alessandro Lanzani, medico dello sport, milanese, collaboratore di Primapagina che per prima cosa ci dice:  “andando a verificare i dati epidemiologici italiani (900 casi anno di cui il 10/14 % mortali) la Toscana non si discosta dalla media considerando poi che la distribuzione geografica di questa malattia è più alta da sempre al centro nord”, e che “questa considerazione non appare mai accanto alla notizia-allarme…”

“Come mai?” si chiede Lanzani. “Forse  – dice il nostro collaboratore – “perché c’è un argomento dietro l’angolo di queste cronache: quello dei vaccini. I vaccini sono importanti e non hanno bisogno di un contesto allarmante per essere divulgati e prescritti oltre a quelli obbligatori… Ma è evidente una certa “pressione mediatica” forse indotta da ragioni di mercato delle case farmaceutiche…  “Per questo sarebbe importante una stampa e dei media più professionali, non tacciabili di sensazionalismi o facilmente manipolabili dalle pressioni mass mediatiche delle case farmaceutiche. Voglio comunque sottolineare – continua Alessandro Lanzani – la funzione assolutamente positiva dei vaccini nella prevenzione delle malattie. I vaccini hanno cambiato positivamente la storia dell’umanità. E’ questo tipo di informazione che mi lascia perplesso. E se vedo una campagna di sensibilizzazione sul vaccino contro il papilloma virus, organizzata dal giornale La Repubblica, ma finanziata dalle case farmaceutiche che producono i vaccini, attraverso contributi all’Associazione Medici Oncologici, coinvolta nell’organizzazione, ecco che le perplessità aumentano…  Da medico voglio affermare che sono favorevole alle vaccinazioni obbligatorie senza se e senza ma e soprattutto ad un scienza e una ricerca autonoma e pubblica non sottomessa a nessun tipo di interesse aziendale, ma c’è una autorità pubblica che possa rendere trasparente ogni situazione?”

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Mail YouTube

No Banner to display

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...