BASKET, LA SAN GIOBBE SPEZZA L’INCANTESIMO E TORNA ALLA VITTORIA

lunedì 15th, gennaio 2024 / 16:34
BASKET, LA SAN GIOBBE SPEZZA L’INCANTESIMO E TORNA ALLA VITTORIA
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – Anche per la legge dei grandi numeri, la maledizione doveva finire, prima o poi. E ieri al ala PalaPania di Chiusi la San Giobbe ha rotto finalmente l’incantesimo negativo che l’ha attanagliata per mesi, tornando finalmente alla vittoria. Due punti fondamentali per il morale e per la classifica dei Bulls. Chiusi rialza la testa e può ancora sperare nella salvezza. Avvresario di turno lka Agribertocchi Orzinuovi (Brescia) battuta 70-65. Erano mesi che la San Giobbe non riusciva ad assaporare una vittoria. Feeling con il successo ritrovato, grazie ai suoi due uomini di maggior classe Tilghman e Stefanini, ma anche con l’apporto di tutti gli efffettivi. Oguuno ci ha messo un tassello e per coach Bassi è stata una bella conferma del lavoro portato avanti: “Nessuno si è tirato indietro”. Tutti hanno lottato e in situazioni di classifica come quella della San Giobbe Chiusi, non è certo il caso di cercare i ghirigori e le giocate ad effetto. In certi frangenti serve solo vincere, senza se e senza ma. Anche con la “tigna” più che con il bel gioco. La squadra di Bassi ha chiuso in vantaggio all’intervallo, (37-35) poi è sembrata ripiombare nel gorgo degli errori e dell’incapacità di andare a canestro, come tante altre volte è successo in questa disgraziata stagione. Ma stavolta, contro i bresciani, non è crollata, la resistito, ha sofferto quando si è vista rimontare un +16 che sapeva di vittoria, ha saputo tenere i nervi saldi quando Orzinuovi è passata in vantaggio, come una nave che resiste alle cannonate, ha retto l’urto e ha riconquistato il campo, portando il sisultato dalla propria parte. Alla fine l’urlo quasi liberatorio del Pala Pania. Finalmente la San Giobbe ha sconfitto anche i propri fantasmi.

Sono arrivati due punti importanti che potrebbero invertire la rotta dei Bulls. Questo il commento post partita di coach Giovanni Bassi, intervistato da Lorenzo Trabalzini:

“Abbiamo prodotto uno sforzo incredibile nel terzo quarto e un po’ lo abbiamo pagato successivamente. Ci poteva costare caro ma siamo stati bravi a ricomporci, perché ci eravamo scomposti, abbiamo messo un paio di canestri che ci hanno ridato fiducia e poi onestamente gli ultimi cinque minuti difensivi sono andati molto bene”.

Si è vista una voglia di vincere come non succedeva da tempo. Avete parlato, c’è stato un confronto?

“C’è stato un confronto ma parlare e fare sono cose differenti. I ragazzi, per trenta minuti, hanno prodotto uno sforzo incredibile, che poi stava per essere gettato al vento e sarebbe stato un peccato. Però grande reazione. Grande voglia e grande attaccamento da parte di tutti, da chi ha giocato di più, chi di meno e da chi non ha giocato per niente. Tutti hanno dato contributo e questo ci ha permesso di portarla a casa”. 

Un po’ di paura quando Orzinuovi dal meno sedici ha messo la testa avanti?

“Questo è il nostro sport. Nella pallacanestro può cambiare tutto nel giro di tre minuti. Noi abbiamo alzato le mani dal volante un po’ troppo presto probabilmente, ma paura si ha di altre cose. La competizione a me piace, è stato un momento difficile e poi Stefanini ha tirato fuori due canestri dal niente che ci hanno dato nuova fiducia. Ci siamo riorganizzati e, ripeto, gli ultimi cinque minuti in difesa sono stati veramente di alto livello”.

Stefanini MVP?

“Ni. Io penso che la presenza di Possamai sia stata importante sui due lati del campo. Io lo critico e lo massacro in settimana, ma ha fatto una cosa in cui in genere non riesce tanto bene, ovvero dopo aver commesso errori è rimasto sul pezzo, ha fatto una stoppata, ha difeso su uno come Basile che andrà in nazionale la settimana prossima. E se ci va lui penso ci possa andare anche Luca”.

Visto l’andamento c’è un po’ di rammarico per non aver portato la differenza canestri a proprio favore con Orzinuovi?

“Avrei messo una firma gigante sulla vittoria di un punto. Va bene così, abbiamo pareggiato la differenza canestri (nello scontro diretto più cinque per Orzinuovi all’andata, più cinque per la San Giobbe al ritorno), ma siamo sempre a meno due in classifica e la salita è bella lunga. Adesso avremo tre trasferte di fila però in caso di sconfitta con Orzinuovi la stagione sarebbe stata sostanzialmente finita, bisogna essere onesti. Così la teniamo viva e vediamo cosa succede”. 

Tra i protagonisti del successo Gabriele Stefanini che nel momento più difficile per i Bulls ha messo in fondo alla retina due giochi da tre consecutivi che hanno dato il là al successo per la San Giobbe…

“Partita incredibile con alti e bassi da entrambe le parti. Siamo stati bravi quando siamo andati avanti a non mollare completamente perché sapevamo che loro non avrebbero alzato bandiera bianca. Una battaglia davvero dura che siamo riusciti a portare a casa. A livello morale una vittoria importantissima, dobbiamo continuare così perché questa è la giusta via”.

Ecco, la giusta via. Troppe volte la San Giobbe la giusta via l’ha smarrita nei finali di partita. Ieri è arrivato un bel segnale di inversione di tendenza. Nelle annate disgraziate, anche i segnali sono importanti…

Umana San Giobbe Basket – Agribertocchi Orzinuovi 70-65 (20-21; 17-14; 21-16; 12-14)

San Giobbe Tilghman 16, Ceron 8, Lorenzoni, Dellosto, Visintin 8, Chapelli, Stefanini 9, Bozzetto 2, Jerkovic 6, Raffaelli 4, Jonats 9, Possamai 8; Capo All. Bassi, Primo Ass. Zanco, Secondo Ass. Civinini

Orzinuovi Donzelli 11, Jorgensen 20, Bertini 2, Basile 17, Alessandrini 2, Trapani, Gasparin, Leonzio 9, Zilli, Zugno 4; Capo All. Zanchi, Secondo Ass. Mattioli

Arbitri Perocco, Roiaz, Calella

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica