HO VISTO UN FILM: CI SIAMO DENTRO TUTTI NOI E I NOSTRI PAESI IN QUEL PUB DI KEN LOACH

lunedì 27th, novembre 2023 / 16:10
HO VISTO UN FILM: CI SIAMO DENTRO TUTTI NOI E I NOSTRI PAESI IN QUEL PUB DI KEN LOACH
0 Flares 0 Flares ×

Ieri sono andato a vedere “The old Oak” di Ken Loach. Al nuovo Cinema Caporali di Castiglione del Lago. Dal mio punto di vista quando vado a vedere un film di Ken Loach so di andare sul sicuro. Mi ci sento in sintonia. Anche quando propone temi che fanno male allo stomaco. E allora dico subito che io “The old Oak” lo metterei come materia obbligatoria nelle scuole. Anche le Medie. E lo farei vedere, per legge, in tutti i Consigli Comunali. E anche nelle sezioni e circoli di partito, nelle associazioni di volontariato. Parla di un tema caldo. Anche qui da noi. Parla delle migrazioni forzate da situazioni di guerra, nel caso specifico la Siria. E dell’accoglienza dei profughi in Europa. Nel caso specifico di una cittadina dell’Ighilterra del nord, sponda occidentale. Ma parla anche di altro: delle guerre tra poveri, dei poveri che hanno paura non dei ricchi e del potere, ma di chi è più povero di loro. Parla della desertificazione industriale, commerciale e civile di città e paesi dopo la crisi del 2008 e la fine di un modello ecomomico. Lo farei vedere per legge, The old Oak, soprattutto in territori come i nostri, perché il film parla anche di noi. Ken Loach il film lo ha ambientato in cittadina mineraria grigia come il fumo dove non c’è più niente, tranne una splendida cattedrale. neanche la miniera c’è più. Si chiama Durham quella cittadina. Ma potrebbe essere benissimo Chiusi. O Sinalunga. O Magione… Nella Durham del film c’è rimasto un solo pub, non c’è più nemmeno una sala per fare un’assemblea pubblica, ha chiuso anche quella parrocchiale. La gente che un tempo era combattiva, solidale, sindacalizzata e faceva scioperi memorabili, non combatte più. I pensionati si ritrovano al pub a scolare pinte di birra, ma appena vedono arrivare un pullman con 50 profughi siriani che si stabiliranno lì, imprecano, li vedono come una minaccia, capiscono le loro ragioni, ma dicono che sono troppi, che non si possono accogliere tutti, che dovrebbero tornare a casa loro (anche se una casa loro non ce l’hanno più). Non sopportano che “i beduini” vengano aiutati con sussidi e con la solidarietà dei sindacati, delle parrocchie, mentre a loro e ai loro figli nessuno li aiuta. Discorsi che abbiamo sentito anche a Chiusi, a Chianciano, a Piazze, dovuque sia stato aperto un centro di accoglienza e dove siano stati alloggiati profughi siriani, nordafricani o pakistani… Stessi discorsi, identici.

E anche qui da noi – tranne le poche realtà che se la cavano con il turismo – il contesto è desertificato, con la gente che non socializza, che non esce più nemmeno di casa per paura dei nuovi arrivati…

Il film di Ken Loach fa intravedere una possibilità, che alla fine è banale ed è quella di riappropriarsi di un motto dei minatori in sciopero: “quando si mangia insieme si rimane uniti” e allora in pochi ci provano di nuovo. Mangiare insieme, tornare a fare comunità, quelli del posto e i nuovi arrivati. Non come atto di “carità”, ma come atto di resistenza rispetto alla devastazioni del capitalismo feroce, delle guerre, della globalizzazione a vantaggio dei più ricchi. Lì per lì funziona. La comunità si ritrova, una dei siriani scatta fotografie, per strada, nei luoghi di lavoro, dalla parrucchiera, anche quelle foto servono a creare un legame, ma le paure, la diffidenza, l’egoismo indotto da anni durisssimi hanno il sopravvento, qualcuno boicotta l’iniziativa, addirittura mette in atto un’azione di sabotaggio facendo saltare le tubature (precarie) e l’impianto elettrico della sala del pub riadattata a luogo comunitario e mensa sociale gratuita per tutti quelli che ne hanno bisogno. Autoctoni e immigrati. Sembra la fine del sogno di un risveglio di coscienza civile e di classe. Ci vuole il sangue di un martire, il padre della fotografa ucciso in carcere in Siria dal regime di Assad, per rimettere in fila e al posto giusto i tasselli di una storia e di tante vite. “Forza, Solidarietà, Resistenza”, così i siriani scrivono in uno stendardo che regalano alla comunità di Durham. Anche i sabotatori impauriti e arrabbiati con i beduini, tornano ad essere quelli di prima, quando erano minatori uniti e solidali. Qui il film forse è un po’ didascalico. E forse anche troppo ottimista. Ma è un bel film. Quasi un documentario su un problema attuale. Chi mugugna e bofonchia di sostituzione etnica, lo vada a vedere e prenda nota. Tante volte su queste colonne abbiamo paragonato alcuni nostri paesi alle mining town americane e inglesi che una volta esaurita o abbandonata la miniera hanno subito un tracollo inimmaginabile con la chiusura di aziende, uffici, negozi, perfino delle banche e dei bar, perdita di appeal e di identità. A Chianciano per esempio la miniera erano le terme, a Chiusi la stazione. Cosa è successo negli ultimi 15-20 anni? Anche a Chiusi, come a Durham c’è rimasta solo una splendida cattedrale e poco più.

Ci siamo dentro tutti noi in quel pub di Durham. Che potrebbe essere benissimo un pub di Chiusi. Se ci fosse.

Marco Lorenzoni

Nella foto: una scena del film (fonte huffingtonpost.it)

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica