LA VITA DIFFICILE DEGLI ALBINI IN AFRICA: DALL’8 OTTOBRE AL 1 GENNAIO UNA MOSTRA FOTOGRAFICA DIFFUSA A CHIUSI

venerdì 07th, ottobre 2022 / 11:26
LA VITA DIFFICILE DEGLI ALBINI IN AFRICA: DALL’8 OTTOBRE AL 1 GENNAIO UNA MOSTRA FOTOGRAFICA DIFFUSA A CHIUSI
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – Dopo la discussa mostra con le foto dei miliziani del Battaglione Azov, nel bunker di Azovstal a Mariuopol, scattate dal fotografo-soldato “Orest”, che le mise in rete prima di arrendersi ai russi, il cine-fotoclub i Flashati di Chiusi propone un’altra esposizione itinerante e diffusa in vari punti della città. Si tratta della mostra “Africa Bianca” con foto che il fotografo Alfonso Della Corte ha scattato durante i suoi viaggi in Malawi e che raccontano la vita degli albini in Africa. Una vita difficile, complicata: in Africa gli albini sono infatti spesso vittime di violenze, persecuzioni, discriminazioni, perfino uccisioni, a causa di credenze e superstizioni antiche e radicate che li stigmatizzano come persone fuori dal comune. In molte zone del continente africano gli albini sono condannati a una vita segnata da rischi, pregiudizi, enormi sofferenze, esclusione sociale, molto spesso nel silenzio e nell’indifferenza della comunità.

L’albinismo è una malattia genetica rara causata dalla mancata o ridotta produzione del pigmento della melanina. Questa patologia è diffusa in tutto il mondo, ma in modo particolare nell’Africa subsahariana, con un’incidenza elevata soprattutto in  Zimbabwe e Tanzania. Nell’ultimo decennio, nel mondo sono stati registrati più di 700 attacchi fisici a persone albine in ventotto Paesi. Molti di questi attacchi si sono registrati proprio in Malawi, dove secondo Amnesty International, dal 2014 a oggi sono almeno 170 le persone albine aggredite a causa della loro patologia e più di venti quelle uccise. Tanto che adesso in Malawi per la prima volta un deputato albino ha conquistato un seggio in Parlamento. Si tratta di Owerstone Condowe, attualmente presidente della sessione dell’Unione Africana dedicata alle persone albine.

La mostra del fotografo Della Corte porta dunque a Chiusi il dramma degli albini africani e apre una finestra su un mondo su cui raramente si accendono riflettori.

L’esposizione diffusa sarà  inaugurata sabato 8 ottobre alle ore 18,00 presso la sala conferenze San Francesco di Chiusi Città. Le foto saranno disposte in dieci punti strategici del centro storico e rimarranno visibili 24 ore su 24 fino al 1 gennaio 2023. L’iniziativa si inquadra nel progetto “Diaframmi Chiusi Nostop”, richiamando con ciò un festival di fotografia che si è tenuto per alcuni anni nella cittadina etrusca, sempre organizzato dai Flashati e che chiuse i battenti dopo l’edizione 2016. In questo modo, il festival torna a vivere, sia pure per episodi. E questa è una buona cosa.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica
Mail YouTube