CHIUSI FINALMENTE COVID FREE. A CETONA 28 CASI ORIGINATI DAL FOCOLAIO NELLE SCUOLE

mercoledì 09th, giugno 2021 / 10:50
CHIUSI FINALMENTE COVID FREE. A CETONA 28 CASI ORIGINATI DAL FOCOLAIO NELLE SCUOLE
0 Flares 0 Flares ×

Sono 28 i casi di positività al Covid causati dal nuovo focolaio che ha interessato le scuole di Cetona. I nuclei familiari interessati sono 16. Lo stato di salute dei contagiati appare nell’insieme buono, scrive il sindaco Roberto Cottini il quale invita a tenere altra la guardia, rispettando le norme di sicurezza e fa sapere che “in base ai responsi delle ripetizioni dei tamponi ed in generale dell’evolversi della situazione sanitaria, si assumeranno le determinazioni collegate alla ripresa dell’attività didattica in presenza per il plesso dell’infanzia, i cui tamponi eseguiti sono risultati negativi”. Per quanto riguarda gli alunni delle elementari e delle medie la “tegola” del nuovo focolaio ha fatto saltare gli ultimi giorni di scuola con i consueti saluti, momento importante nella crescita dei ragazzi, soprattutto per quelli che passano da una scuola all’altra… Il virus non fa sconti e non si scompone se anche i più giovani vengono penalizzati… L’importante però è che non stiano male.

Intanto da Chiusi a poche ore dall’annuncio dell’apertura domenica 13 del Centro Vaccinale territoriale al Palasport (FOTO) che ha già aperto e prenotazioni per i maturandi, arriva la buona notizia che la città è finalmente “covid free”. Con la comunicazione dalla Asl della guarigione degli ultimi due cittadini positivi, al momento Chiusi non registra casi di contagio attivi… Dall’inizio della pandemia Chiusi ne ha registrati 399 (43 nella prima ondata), con 10 decessi. Ora la curva segna zero. Un bel passo avanti. Non è stato facile, sono stati mesi duri: Chiusi a febbraio fu la prima e unica zona rossa della Toscana, nel 2020 all”inizio della pandemia fu per alcune settimane il paese più colpito in proporzione agli abitanti…Dieci morti non sono uno scherzo e tanta gente è stata male, è finita in terapia intensiva…

Si comincia insomma a vedere la fine del tunnel… Ma la guerra non è finita e non è vinta. Anche se le misure restrittive cominciano ad allentarsi e sono meno stringenti. Anche se il numero dei vaccinati cresce e continua a d incrementarsi di settimana in settimana. Il focolaio di Cetona ricorda a tutti che la guerra non è ancora finita e non è ancora vinta. Che il virus è sempre in agguato. Quindi è bene mantenere le dovute attenzioni e rispettare le norme di prevenzione e sicurezza.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×