VACCINI: TOSCANA, SUBITO ESAURITE LE PRENOTAZIONI PER I 60ENNI. NON E’ QUESTO IL VERSO

mercoledì 05th, maggio 2021 / 10:53
VACCINI: TOSCANA, SUBITO ESAURITE LE PRENOTAZIONI PER I 60ENNI. NON E’ QUESTO IL VERSO
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – Questa mattina, alle 9,00, la Regione Toscana ha aperto la prenotazione del vaccino anti covid ai nati tra gli anni 1952 e 1956. Ma dopo due minuti la disponibilità era già esaurita. Non solo, il sistema informatico ha fatto registrare anche problemi di accesso, con la procedura che si bloccava di continuo. Per qualche minuto, relativamente alla Provincia di Siena è comparsa la scritta “disponibilità buona” per i centri vaccinali di Abbadia San Salvatore e Montepulciano, ma senza dare la possibilità di prenotarsi. Poi anche lì “disponibilità esaurita”.  Il malfunzionamento del portale e l’immediato esaurimento della disponibilità lo ha segnalato anche il sindaco di Chiusi Bettollini con un post pubblico sul suo profilo facebook, nel quale ha riportato la sua esperienza personale, ovvero il tentativo di prenotare il vaccino per i suoi genitori, classe 1954, andato a vuoto.

Io ho provato per me stesso (classe 1956) e nonostante ripetuti tentativi, tra le 9,00 e le 10,00, non sono riuscito a prenotare. Ho ricevuto il codice da inserire nella procedura, ma poi non c’è stato verso di andare avanti.

A margine del suo post, nella risposta ad un commento, Bettollini ha confermato di aver avuto assicurazioni sull’apertura del centro vaccinale al Palasport di Chiusi Scalo a giugno, quando la disponibilità di dosi sarà più elevata e sufficiente. E questa è una buona notizia.

Resta però l’amarezza nel constatare come gli annunci ad effetto tipo quello che molti hanno rilanciato sui social, dell’apertura delle prenotazione per la fascia 65-69 anni, si rivelino il più delle volte delle bolle di sapone. Con la conseguenza di innescare delusione e incazzatura nelle persone e sfiducia in chi ha in mano il timone della barca. Il povero assessore regionale Bezzini, per esempio, sta diventando una sorta di bersaglio, come l’orsetto del luna park. A che serve annunciare una campagna se poi questa si esaurisce nel giro di due minuti due? Se le accelerazioni sono queste… E’ deprimente vedere i cittadini costretti mettersi davanti al computer e a fare come al rischiatutto, sperando di schiacciare il bottone un secondo prima dell’avversario. Non è questo il verso.

Marco Lorenzoni

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×