RICORDO DI GIAN GASTONE NERI SERNERI, ULTIMO RAMPOLLO DI UNA “COVATA” DI LUMINARI DELLA MEDICINA MADE IN CHIUSI

lunedì 15th, giugno 2020 / 15:51
RICORDO DI GIAN GASTONE NERI SERNERI, ULTIMO RAMPOLLO DI UNA “COVATA” DI LUMINARI DELLA MEDICINA MADE IN CHIUSI
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – Tre mesi fa a Firenze è venuto a mancare un luminare della della medicina clinica: il Professor Gian Gastone Neri Serneri . Era nato a Chiusi nel 1925 e non si era mai allontanato, col cuore, dagli amici chiusini e dalla sua città natale.

Neri Serneri è stato un grande nel campo della cardiopatia ischemica e delle malattie trombotiche. Professore emerito di medicina interna dell’ università di Firenze, nel 1970 ricoprì l’ incarico di direttore dell’istituto di clinica medica a Sassari ma nel 1974 tornò in Toscana per ricoprire l’incarico di Direttore di patologia  medica II della clinica Universitaria di Careggi. Fu anche direttore della scuola di clinica medica, direttore della scuola di specializzazione di medicina interna e di quella in  malattie cardiovascolari.
È stato Presidente della Società  Italiana di medicina interna e membro del consiglio Universitario Nazionale.
Ha insegnato fino al 2000 e nel 2001 ricevette il titolo di “emerito “.
Un grande uomo di medicina insomma, alla quale si è dedicato tutta la vita.
Spesso veniva a Chiusi, dove fu anche premiato come  “Cittadino emerito “.
Fra le tante attività e impegni, ricopri anche il ruolo di medico ufficiale della Fiorentina con Mario Cecchi Gori del quale era amico.
Era un piacere parlare con lui. In una delle ultime volte, a casa sua a Firenze, mi raccontò di quello che fu il suo ruolo per rendere grande Careggi. Finiva il suo lungo turno in ospedale, passava da casa e andava a Roma al ministero per chiedere sovvenzioni e richieste di attrezzature speciali.
Era un punto di riferimento per tutti gli amici e compaesani che avevano bisogno di cure e consigli medici. Grande amico di Plinio Mannucci  il ferroviere poeta e umorista, che curò ” fraternamente” fino all’ ultimo .
Un personaggio di prim’ordine. Un grande medico. L’ultimo dei “ragazzi” di quella speciale “covata”che ha portato il nome di Chiusi ai vertici della medicina nazionale: Gian Gastone Neri Serneri appunto, ma anche Curzio Paolozzi e Paolo Gentilini, che in realtà era originario di Sarteano ma diventato chiusino di adozione in quanto il padre aveva a Chiusi una tipografia.
Il prof. Neri Serneri era un discendente della famiglia Nardi Dei, una delle famiglie storiche di Chiusi, che diede un grande impulso alla fondazione del Museo Archeologico, per esempio…
Certo, a 95 anni ci sta di salutare il mondo, anche se si è un luminare della medicina. Adesso il professo Seneri sarà lassù da qualche parte coi suoi amici e colleghi chiusini e forse staranno lì a discutere di questa drammatica pandemia che sta cambiando i connotati al mondo intero. Per la medicina italiana e per Chiusi è una grande perdita.
Niccolò Martinozzi
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica