CHIUSI, LUNEDI 11 MARZO LA PRESENTAZIONE DELLA GUIDA ALLE OSTERIE D’ITALIA DI SLOW FOOD 2019

mercoledì 06th, marzo 2019 / 19:28
CHIUSI, LUNEDI 11 MARZO LA PRESENTAZIONE DELLA GUIDA ALLE OSTERIE D’ITALIA DI SLOW FOOD 2019
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – Continua il sodalizio tra a città di Chiusi e la “Chiocciola” di Slow Food.  Lunedì 11 marzo, nel centro storico chisuino si terrà infatti la presentazione dell’Edizione 2019 della “Guida Osterie d’Italia”, di Slow Food, appunto. L’appuntamento èpresso la sala conferenze del Chiostro di San Francesco, in via Paolozzi 6. L’inizitiva  a cura della Condotta Slow Food Chiusi-Montepulciano.

A partire dalle ore 18 si terrà la conferenza stampa che sarà introdotta e moderata dal giornalista esperto di enogastronomia de La Nazione QN Paolo Pellegrini. Insieme a lui ci sarà il curatore nazionale Guida Osterie d’Italia Eugenio Signoroni, il Coordinatore Regionale Guida Osterie d’Italia Gian Marco Mazzanti, e il sindaco di Chiusi, Juri Bettollini.

Al termine della presentazione visita guidata al Museo Etrusco, cui seguirà un aperitivo con la Comunità per la Valorizzazione dell’Oliva Minuta di Chiusi e le birre dell‘Abbazia Tre Fontane che produce l’unica birra trappista d’Italia.

Culmine della serata sarà la cena presso la Taverna del Terziere Sant’Angelo con la partecipazione di tre cuochi “chiocciolati” della Guida Osterie d’Italia Slow Food e in abbinamento i vini dell’Associazione Vignaioli Montepulciano #quelliveriditoscana.

Le Osterie segnalate nella Guida sono luoghi dove non solo si mangia ben,e ma dove soprattutto si sta bene. Luoghi popolari dove le materie prime sono quelle del territorio e vengono proposte in piatti che guardano a tradizioni antiche a un prezzo accessibile. Luoghi fatti di persone e di storie, di voglia di conoscersi e trascorrere serate conviviali all’insegna del buon mangiare e del bere bene.

La Guida si conferma pertanto una fedele compagna per far conoscere al lettore posti nuovi e il meglio della cucina regionale con piatti tipici e stagionali, l’ambiente, il cuoco e piccoli dettagli sempre graditi al cliente attento a quello che mangia.

Oltre che in libreria la Guida alle Osterie Slow Food è acquistabile anche sullo shop on line di Slow Food Editore e rappresenta il punto di arrivo di un lungo lavoro portato avanti con scrupolo da centinaia di associati in tutta Italia per selezionare locali dove lo stare bene è di casa.

In Toscana le osterie “chiocciolate” sono 27. In provincia di Siena 9. Di queste due sono a Chiusi (La Solita Zuppa e Il Grillo è Buoncantore), una a Sarteano (Da Galliano), due a Torrita di Siena (La Botte piena e Osteria Guastini), una a Trequanda (Il Conte matto).

Il menù della cena è intrigante: Menu della cena:

Antipasto: Pancotto con pane di grani antichi della Val d’Orcia, con Uovo Bio di Gallo nero, avvolto nella Tarese del Valdarno (Presidio Slow Food) su rapa bianca croccante, presentata dall’Osteria “Il Grillo è Buoncantore”.

Primo: Crespella toscana farcita con ragù di Razza Maremmana (Presidio Slow Food), gratinata al Pecorino a Latte Crudo di Maremma (Presidio Slow Food), presentata dall’Osteria “Il Grillo è Buoncantore”.

Secondo: Capocollo di Cinta Senese con fusione di renetta e ginepro, servito con pulezze all’aglione, presentato dall’Osteria “La Solita Zuppa”.

Dolce: “Toscan cheese-cake” con coulisse di fragole, presentato dall’Osteria La Solita Zuppa; esperienza a Latte a Crudo con i Formaggi del Monni, curata da Roberto Crocenzi della “Taverna da Roberto in Montisi”.

In abbinamento verranno serviti i Vini dell’Associazione Vignaioli Montepulciano #quelliveriditoscana

La quota per la cena è di 35 € per i soci Slow Food (ci si può associare la sera stessa e usufruire subito dello sconto) e 40 € per i non soci. Ogni due persone paganti in omaggio una copia della Guida Osterie d’Italia 2019 di Slow Food Editore. Per la cena prenotazioni entro venerdì 8 marzo.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica