CHIUSI, APPROVATA LA MOZIONE ANTIFASCISTA. ASSENTI I 5 STELLE

sabato 17th, febbraio 2018 / 11:39
CHIUSI, APPROVATA LA MOZIONE ANTIFASCISTA. ASSENTI I 5 STELLE
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – Approvata ieri in Consiglio comunale la mozione presentata dal gruppo Pd-Psi per vietare spazi pubblici a movimenti e manifestazioni di stampo neofascista, razzista o xenofobo. Il documento, presentato fuori dall’ordine del giorno stabilito, è stato letto e discusso grazie alla disponibilità dei due consiglieri della lista Possiamo-Sinistra per Chiusi, altrimenti per regolamento, non sarebbe stato possibile. Serviva infatti l’unanimità dei presenti. I 5 Stelle non c’erano. Sindaco e giunta hanno ricevuto il mandato del consiglio a redigere un apposito regolamento che sarà poi portato di nuovo in consiglio per l’approvazione.  Su richiesta dei “Podemos” è previsto un passaggio di discussione anche in Commissione Cultura. Così pure l’opposizione avrà la possibilità di partecipare alla stesura e gli assenti di ieri avranno modo di esprimere la loro posizione.

Visto quanto è successo la settimana scorsa a Macerata, poi a Piacenza, a Pavia e ieri sera a Bologna, la questione sta assumendo caratteri di emergenza. Non si tratta di un “rigurgito ideologico”, della riproposizione della antica contrapposizione tra fascismo e antifascismo o tra destra e sinistra. L’apologia del fascismo in Italia costituisce reato. La questione posta anche dalla mozione del gruppo di maggioranza chiusino è quella di far capire chiaramente da che parte si sta. Perché le due parti non sono equivalenti. C’è una parte giusta e una parte sbagliata. Questo è il punto. E sebbene in questo territorio non ci siano stati episodi di violenza, anche presentarsi in uno studio televisivo per un dibattito elettorale con un manipolo di supporters con il giubbotto nero e gli anfibi (è appurato che non c’erano stati allagamenti né crolli, quindi perché gli anfibi?) è un segnale inequivocabile. Da contrastare anche con normative che ricordino a tutti che in questo territorio il fascismo non è e non sarà mai il benvenuto.

Bene hanno fatto il gruppo di maggioranza, il sindaco, la giunta e il Consiglio Comunale a porre la questione all’ordine del giorno. Con urgenza. Resta dubbia invece la posizione dei 5 Stelle. Le due consigliere Cippitelli e Martinozzi hanno inviato nella mattinata di ieri una mail per giustificare l’assenza dalla seduta del pomeriggio. Ragioni di salute e di lavoro. Può capitare, per carità. Ma da parte loro, né di altri esponenti del movimento, è uscita mezza riga sull’argomento. Non potendo essere presenti al Consiglio Comunale, i 5 Stelle avrebbero potuto tranquillamente prendere una posizione con una nota sui social, come ha fatto l’Anpi, come ha fatto Liberi & Uguali, come hanno fatto alcuni cittadini… La stessa consigliera Martinozzi nella giornata di ieri ha pubblicato vari post su facebook. Ma tutti su altri argomenti. Tutto ciò rende l’assenza un po’ sospetta. Del resto l’equidistanza dei 5 Stelle a livello nazionale sulla questione fascismo-antifascismo e il silenzio sugli ultimi fatti erano stati rilevati anche da Roberto Saviano con un articolo sul giornale inglese The Guardian…

Quanto a Chiusi, Pd, Psi e Possiamo hanno già fatto capire come la pensano. Vedremo se in Commissione Cultura e quando si tratterà di approvare il regolamento i 5 Stele una posizione la prenderanno oppure no. Per ora non l’hanno presa. Peccato.

m.l.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
, , ,
emma villas-monza
Mail YouTube