CHIANCIANO: IL VIADOTTO RIBUSSOLAIA NECESSITA DI OPERE DI CONSOLIDAMENTO. IL COMUNE CHIEDE SOLDI A TONINELLI

martedì 25th, giugno 2019 / 17:42
CHIANCIANO: IL VIADOTTO RIBUSSOLAIA NECESSITA DI OPERE DI CONSOLIDAMENTO. IL COMUNE CHIEDE SOLDI A TONINELLI
0 Flares 0 Flares ×

CHIANCIANO TERME – Il viadotto Ribussolaia di Chianciano, chiuso ormai da quai un anno, ha bisogno di interventi di consolidamento. Ma serve tempo e servono soprattutto risorse. I controlli e le verifiche tecniche sulla struttura hanno evidenziato 13 punti di criticità. Così si legge in un comunicato del Comune, diffuso dopo un incontro tenutosi la settimana scorsa in Regione Toscana con i tecnici Anas, proprio per un confronto sugli esiti delle verifiche. Le criticità rilevate sono di tipo “funzionale” e “strutturale”, ma dalle prime considerazioni tecniche è emerso che “vi potrebbero essere buone possibilità di intervento con consolidamento (su travate, appoggi e pile) in sito e quindi tale da evitare la più complessa ed onerosa opera di smontaggio/demolizione e successiva ricostruzione”. 

Insomma il viadotto non verrà demolito e ricostruito, ma più probabilmente consolidato con interventi specifici e mirati…  Come si sa il “ponte” chiancianese ha ormai 50 anni, fu costruito infatti alla fine degli anni ’60. E’ un tempo limite per le strutture in cemento armato.

I lavori di consolidamento saranno comunque un intervento rilevante, fa sapere l’Amministrazione comunale chiancianese guidata dal sindaco Andrea Marchetti,  fresco di rielezione. E pertanto serviranno risorse cospicue sia per la progettazione, sia per l’opera. Per reperire tali risorse il Comune “si interfaccerà, fin da subito, con il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti”, c’è infatti la volontà da parte del Dicastero del Ministro Toninelli, di finanziare nel triennio 2020-2022 interventi di messa in sicurezza delle infrastrutture stradali, con priorità a quelle in cui è già stata accertata la non transitabilità.

“Ci muoveremo quindi fin da subito su tale percorso politico-amministrativo – dice il sindaco Marchetti – auspicando di poter definire in tempi brevi un cronoprogramma degli step che partendo dalla progettazione possano poi condurre al finanziamento delle opere ed alla realizzazione delle stesse con conseguente riapertura del viadotto, infrastruttura molto importante per il sistema della viabilità urbana e dell’intero comprensorio”.  Come è noto infatti il viadotto Ribussolaia fa parte della SR 146 che da Po’ Bandino  porta alla Cassia a San Quirico d’Orcia, passando per Chiusi Scalo, Chiusi città, Chianciano, e Pienza. Al momento la viabilità alternativa per l’attraversamento di Chianciano è tornata quella che era prima della costruzione del viadotto, ovvero via Roma, Piazza Italia, viale della Libertà…

Diciamo che in tempi di vacche magre per il termalismo e il turismo, almeno c’è un po’ più di movimento nel cuore della cittadina del fegato sano. Ma l’esito delle verifiche, leggendo tra le righe del comunicato del sindaco,  lascia intendere che i problemi del viadotto sono seri e che non si può tergiversare a lungo.

 

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×