TOSCANA, GIA’ SCRICCHIOLA L’ALLEANZA GIANI-RENZI. E A CHIUSI SCARAMELLI FA SAPERE CHE ITALIA VIVA E’ SUL MERCATO

giovedì 01st, ottobre 2020 / 22:19
TOSCANA, GIA’ SCRICCHIOLA L’ALLEANZA GIANI-RENZI. E A CHIUSI SCARAMELLI FA SAPERE CHE ITALIA VIVA E’ SUL MERCATO
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – Il neogovernatore della Toscana Eugenio Giani è al lavoro per costruire la sua squadra di governo. Ma già spunta la prima grana. Matteo Renzi che a giugno a Chiusi dichiarò che il suo “pupillo” Stefano Scaramelli sarebbe stato la punta di diamante di Italia Viva, ma anche uno dei futuri assessori in caso di vittoria di Giani, ha già fatto un passo indietro. O di lato. All’ex premier non è piaciuta una dichiarazione dello stesso Giani (“a Renzi ho dato più di quanto ho ricevuto”) e così avrebbe deciso di ritirare i suoi dalla corsa ad un posto in giunta. Oppure è Giani che avrebbe deciso di tenere fuori Italia Viva, che ha raccolto e portato alla coalizione un misero 4,8%.

A Scaramelli resta la possibilità di fare il Presidente del Consiglio regionale, poltrona su cui era seduto Giani negli ultimi 5 anni. Ma anche questa ipotesi non è scontata. Scara dovrà battere la concorrenza di Cristina Giachi, attuale vicesindaco di Firenze. Sulla presidenza per Scaramelli, punterebbe anche Renzi che forse punta anche ad avere mani più libere, piuttosto che trovarsi coinvolto nel governo regionale.

In giunta dovrebbe invece trovare posto il senese Simone Bezzini che è stato eletto con 14 mila preferenze. La nomina di Bezzini assessore, con conseguenti dimissioni da consigliere (obbligatorie), consentirebbe di entrare in consiglio ad Elena Rosignoli, di Torrita di Siena, prima dei non eletti Pd senesi.

Una cosa è certa, per ammissione dello stesso Giani, in giunta entrerà un esponente di Sinistra Civica ed Ecologista, che ha preso meno voti di Italia Viva, ma può coprire in qualche misura le spalle a Giani sul versante della sinistra, non solo socialista, ma anche libertaria, laica e ambientalista. Probabile che tocchi a Serena Spinelli, capolista a Firenze. Evidentemente Giani teme di offrire un’immagine troppo centrista.

Tra gli altri nomi in ballo per un assessorato,  l’ex capogruppo Pd Leonardo Marras (Grosseto), mentre non ci sarebbe Vincenzo Ceccarelli, assessore ai trasporti nell’ultima legislatura. Di Arezzo. Ma siamo ancora al totonomi. Si vedrà.

Per il quotidiano la Repubblica la rottura tra Italia Viva e Giani è conclamata. Il patto di ferro stretto prima delle elezioni tra Pd e Renzi sul nome di Giani, già scricchiola, prima ancora di cominciare.

E questa non è una buona notizia, per esempio, per quella parte del Pd chiusino, che in vista delle comunali del 2021, punta ad una riproposizione pari pari dell’alleanza delle regionali. Qualcuno l’ha proposto all’assemblea degli iscritti di lunedì scorso e altri la davano come “già fatta nei fatti”. O come la più facile e naturale delle soluzioni. Forse anche la più redditizia, visto che Italia Viva è l’unica forza che a Chiusi ha “vinto” alle elezioni regionali: 500 voti alla prima apparizione e successo personale di Stefano Scaramelli. L’ipotesi di una coalizione Pd-Italia Viva e socialisti, magari con Chiara Lanari candidato a sindaco e Agostinellli vice, che qualcuno ha ventilato come una possibile uscita dalla stagione Bettollini, senza troppi stravolgimenti, sembra già… superata dagli eventi.

Ieri sera, prima della diretta del Consiglio comunale di Chiusi, dagli schermi della Tv chiancianese NTI, Stefano Scaramelli in studio ha parlato con faccia e voce stizzita del totonomine di Giani con una filippica sugli equilibri tra città e province che nemmeno ai tempi di Gaspari e del manuale Cencelli,  poi a precisa domanda sulle comunali di Chiusi, ha risposto che “Italia Viva ci sarà e dirà la sua”. Come e con chi non l’ha specificato. Per ora si è limitato a far sapere che Italia Viva è sul mercato, come Chiesa. E che è intenzionata a far pesare quel tesoretto di 500 voti. La domanda che sorge spontanea adesso è: chi offre di più?

m.l.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica