CHIUSI, TRENITALIA CONFERMA LA FERMATA DEL FRECCIAROSSA DAL 14 GIUGNO. UNA BELLA VITTORIA DEL TERRITORIO

CHIUSI, TRENITALIA CONFERMA LA FERMATA DEL FRECCIAROSSA DAL 14 GIUGNO. UNA BELLA VITTORIA DEL TERRITORIO
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – La notizia era attesa, ma per nulla scontata. Anzi, c’era – diciamolo pure – qualche preoccupazione. Ma è andata bene. Trenitalia ha deciso di confermare anche per questa stagione la fermata del Frecciarossa alla stazione di Chiusi-Chianciano Terme. Da domenica 14 giugno il Frecciarossa tornerà a fermarsi in Valdichiana. Per tutto il periodo estivo, poi si vedrà.

Anche l’anno scorso la fermata dell’alta velocità doveva durare da giugno a settembre. Poi fu prorogata fino al 6 gennaio. La conferma l’ha data poco dopo le ore 14, direttamente Trenitalia con un comunicato stampa, rilanciato subito da varie agenzie. Adn Kronos scrive: “Da domenica 14 giugno e per tutto il periodo estivo due nuove corse di Trenitalia collegheranno la Valdichiana alle principali città italiane servite dall’Alta Velocità. A breve sarà possibile acquistare i biglietti di entrambi i collegamenti sull’App Trenitalia, il sito web trenitalia.com, nelle biglietterie e su tutti i canali di vendita convenzionati. L’obiettivo è soddisfare la domanda stagionale turistica verso le principali località di mare su tutta la costa ligure e tirrenica, verso le aree di Chiusi, Siena e le sue Terre, la Val di Chiana, la Val d’Orcia, l’Amiata e il Trasimeno. Le fermate dei Frecciarossa sono parte integrante del più ampio piano di sviluppo del turismo nazionale grazie al quale sarà possibile scoprire e riscoprire le bellezze italiane. I nuovi collegamenti permetteranno di distribuire i flussi turistici non solo nelle grandi città d’arte o sulle spiagge e montagne più conosciute, ma anche nelle località di medie e piccole dimensioni ad alta attrattività culturale e paesaggistica. Tutto ciò anche grazie alle migliori connessioni di primo e ultimo miglio con il territorio, e al facile interscambio con altri mezzi di trasporto, per invogliare sempre più persone a lasciare l’auto privata a casa con enormi benefici anche per l’ambiente”.

A fermarsi a Chiusi sarà lo stesso treno dell’anno scorso con fermata per Roma-Napoli alle 8 del mattino e per Firenze-Milano alle ore 21,00.

Il sindaco di Chiusi Bettollini, che ha partecipato, anche in mattinata ad una videoconferenza con Trenitalia, già ieri sera aveva detto di avere buone sensazioni. Il rinvio della decisione da mercoledì 3 giugno ad oggi deponeva infatti verso un esito positivo. Se avesse voluto depennare la fermata chiusina Trenitalia lo avrebbe fatto, senza tante conferenze. Certo dopo l’emergenza covid, con il turismo messo a durissima prova, confermare il treno Av a Chiusi, unica fermata non in un capoluogo di provincia, non era assolutamente scontato, come abbiamo scritto in apertura. E c’erano anche forti resistenze di tipo politico, soprattutto – pare – sul versante umbro, con alcune soggetti che spingevano per altre e diverse soluzioni (Terontola, per esempio). La battaglia è vinta. Bettollini porta a casa un risultato importante, sia per il rilancio e la ripresa economica post emergenza, che per l’immagine complessiva del territorio. Con lui vincono anche le associazioni e i comuni che lo hanno sostenuto sia l’anno scorso, che quest’anno. Ultima l’associazione turistica Pro Loco di Città della Pieve che si è ufficialmente spesa in tal senso.

Chiusi mantiene dunque l’aggancio all’Alta Velocità ferroviaria e vede riconosciuta una sua centralità rispetto ad un territorio turisticamente rilevante. Resta infatti confermata la valenza soprattutto turistica della coppia di treni in questione e della fermata in Valdichiana. Con Chiusi e Chianciano titolari della stazione ferroviaria, vincono le Terre di Siena, la zona del Trasimeno, la Valdorcia e l’Amiata.

E, dato che tra un anno a Chiusi si vota per le comunali, Bettollini, mette in cascina anche questo risultato. Un risultato che è rimasto in bilico fino all’ultimo minuto, ma che adesso è stato messo al sicuro. Diciamo che è un bel gol. Di quelli che pesano e rimangono nella memoria.

m.l.

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×