FONDAZIONE ORIZZONTI D’ARTE, INTERVISTA A GIOVANNA ROSSI

mercoledì 12th, marzo 2014 / 14:39
FONDAZIONE ORIZZONTI D’ARTE, INTERVISTA A GIOVANNA ROSSI
0 Flares 0 Flares ×

La Presidente ci parla della Fondazione Orizzonti d’Arte.

Chiusi – Un post su facebook di qualche giorno fa della Presidente Giovanna Rossi, affermava che la Fondazione ha assunto, part-time, due giovani, non ancora trentenni, per il 2014. Un evento, di questi tempi di alta disoccupazione. L’erede dell’Istituzione Mascagni in due anni di vita tutto si può dire ma non che non abbia successi e visibilità.

La Fondazione Orizzonti d’Arte, nata nel 2012 per volontà del Comune di Chiusi sta riscuotendo un grosso successo: “Il Comune di Chiusi – si legge sul sito  http://www.fondazioneorizzonti.it/- dalla cui volontà nel 2012 nasce la Fondazione Orizzonti d’Arte di Chiusi, ha attribuito al nostro Ente una missione ambiziosa: diventare il soggetto promotore della cultura e dell’arte sotto ogni sua forma a partire dal nostro territorio. E’ per questo che le attività della Fondazione spazieranno dall’ormai consolidato Festival Orizzonti, al teatro, alla musica, alla danza e alle mostre. Il Comune della Città di Chiusi ha dato vita alla Fondazione Orizzonti d’Arte con l’obiettivo di proseguire l’attività del Festival e di articolare l’ attività in quattro fondamentali momenti culturali. Quattro fasi scandite nel tempo: Autunno per le mostre, Inverno per il teatro, Primavera per la musica e la danza, Estate per il Festival. I cittadini, ed i visitatori della Città di Chiusi, potranno entrare nel “labirinto culturale” che la Fondazione creerà in ogni stagione, offrendo sempre la massima qualità ed accessibilità”.

E’ arrivato, quindi, il momento, di fare il punto con la Presidente Rossi, partendo proprio dal post suddetto:

Post su due nuovi giovani assunti part time… un segnale importante… quante domande avete ricevuto ?

Abbiamo ricevuto 16 domande e sono state selezionate per il colloquio n. 8 persone, tutte rispondenti ai requisiti richiesti. Dopo gli incontri sono stati scelti 2 giovani, under 30, ciascuno di loro in possesso di diploma di laurea e soprattutto con esperienza nei campi per i quali sono stati assunti. Il part-time è stata una scelta prudenziale in quanto la Fondazione non può contare su introiti certi(fatti salvi i Sostenitori che hanno aderito per tre anni) ma deve affidarsi al fund raising. Dopo 2 anni di lavoro e di costruzione della nostra identità si è presentata l’esigenza di investire sul personale per far fronte in modo sempre più professionale alla mole di lavoro che occorre per organizzare un evento culturale che risponda alle aspettative del pubblico, dei Sostenitori e dell’Amministrazione Comunale.

Parliamo della Fondazione: un po’ di storia…

La Fondazione Orizzonti d’Arte, costituita nel 2012, unico Socio Fondatore il Comune di Chiusi, per proseguire nel lavoro già iniziato dalla disciolta Istituzione Teatro Mascagni, ha raggiunto in solo due anni di vita traguardi importantissimi, primo dei quali l’ingresso di n.30 “privati” in qualità di Soci Sostenitori e n. 10 a titolo di Partecipanti. Le aziende private hanno due rappresentanti all’interno del Consiglio di Indirizzo che è l’organo strategico della nostra Fondazione.  Per raggiungere gli scopi statutari, che prevedono lo sviluppo culturale del territorio, sono stati programmati vari  eventi culturali: Mostre d’Arte, Festival di Danza, Festival Rock, Stagione Teatrale e Festival Orizzonti che hanno riscosso notevole gradimento di pubblico. Per proseguire nell’importante lavoro di promozione e diffusione dell’arte e soprattutto dell’innalzamento culturale della popolazione si sono dovuti operare sostanziali cambiamenti a partire dalla sostituzione del Direttore Artistico del Festival Orizzonti, giunto quest’anno alla XII edizione.

La selezione del nuovo D.A. è avvenuta tramite un bando pubblico ed è stato scelto il Dott. Andrea Cigni che risponde a tutte le caratteristiche richieste.

“ORIZZONTI FESTIVAL DELLE NUOVE CREAZIONI NELLE ARTI PERFORMATIVE “- “TRA MITO E FAVOLA”, che vedrà ospiti le maggiori compagnie teatrali nazionali e internazionali è già stato presentato ai consiglieri della Fondazione e verrà reso pubblico il 22 aprile presso la Sala incontri di Palazzo Vecchio.  Il festival si terrà dal 1° al 10 agosto compresi.

Un’altra importante innovazione è stata quella di portare a Chiusi la danza con una 1^ rassegna nel 2013 convertita in festival nel 2014 con la D.A. del prestigioso ballerino Samuel Peron.  Per avvicinare i giovani alla cultura il Comune ha affidato alla Fondazione anche l’organizzazione dell’Ars Rock Fest, giunto quest’anno alla 3^ edizione, la cui D.A. è stata affidata ad Alessandro Sambucari. L’evento si terrà a metà giugno.

La stagione teatrale è diventata uno dei nostri fiori all’occhiello. La scelta degli spettacoli è stata fatta seguendo le indicazioni del pubblico (hanno compilato un questionario) e la risposta è stata molto positiva con il Teatro sempre pieno e talvolta tutto esaurito. Prima di ogni spettacolo, alle 18 del pomeriggio, si è introdotto una specie di talk show in cui il protagonista rilascia un’intervista e risponde alle domande del pubblico. “ A tu per tu” titolo di questo pre-spettacolo si tiene nel foyer del Teatro ad ingresso libero.

Quante persone ci lavorano?

I due neo-assunti, la vice-Presidente Arianna Fè che cura tutta l’organizzazione e la segreteria artistica ma non è una dipendente, ed io (volontaria) che curo le P.R. i rapporti istituzionali, il controllo di gestione, la contabilità etc. Durante i Festival ci sono i Direttori Artistici che sono professionisti indipendenti ed alcuni volontari associati della fondazione che aiutano nella Gestione delle biglietterie Infine, uno dei Consiglieri di gestione cura l’ufficio stampa .

Cultura = lavoro: un commento

Recenti studi (ricerca di StageUp e Ipso) hanno dimostrato che per ogni euro investito nella cultura, infatti, in Italia se ne generano 21,3: molti di più della Francia (8,8), della germania (8,5), dell’Inghilterra (10,5) e della Spagna (5,4), il problema è che in Italia non si investe, anzi, si taglia! Investire nella cultura produce ricchezza attraverso l’indotto che questa crea: attività teatrali di tutti i generi, turismo, attività ricettive. Commercio, editoria, etc. con conseguente offerta di lavoro.

 Cultura = prestigio per Chiusi. Un commento

Attraverso il Lavoro della Fondazione Orizzonti d’Arte la città di Chiusi va man mano riacquistando quella posizione culturale che le spetta di diritto per il suo passato glorioso e per la centralità del territorio.

 Nel vostro cartellone figurano spettacoli ed attori prestigiosi. Gli obiettivi della Fondazione

I nostri obiettivi sono molto ambiziosi, il principale è quello della divulgazione culturale nel territorio attraverso molteplici forme di arte: teatro, danza, lettura, mostre d’arte e naturalmente “Festival”.

Altro obiettivo è quello di far conoscere la nostra bella città attraverso tutti i nostri eventi e il Festival Orizzonti che dovrà posizionarsi come attrazione culturale di livello nazionale e internazionale.

Per ultimo, ma non ultimo, creare posti di lavoro per dare opportunità ai giovani di sviluppare le loro idee all’interno di un organismo ricettivo e che guarda sempre al futuro”.

David Busato

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
, , ,