CHIUSI, LADRI ALLE SCUOLE MEDIE. IL SINDACO CONTRO IL DECRETO SVUOTACARCERI

sabato 08th, febbraio 2014 / 12:22
CHIUSI, LADRI ALLE SCUOLE MEDIE. IL SINDACO CONTRO IL DECRETO SVUOTACARCERI
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – Dopo il cimitero i ladri prendono di mira la Scuola media. Questa notte ignoti si sono introdotti all’interno della struttura e hanno rubato computers e altro materiale. Non è la prima volta che accade. E quella di Chiusi non è la prima scuola della zona che viene “ripulita” ma il fatto che il furto sia avvenuto solo pochi giorni dopo il raid al cimitero fa salire l’allarme. Il sindaco Scaramelli non usa mezze parole e ci va giù duro con i ladri che definisce “bastardi!” e anche con il Governo Letta che propone il decreto svuota carceri. Ecco cosa scrive Scaramelli su facebook: “Bastardi! Vergognatevi! Questa notte avete fatto irruzione nella nostra scuola media, avete distrutto, fatto danni e rubato computer e materiale informatico! La vergogna è con voi stessi e con la vostra coscienza. E per di più il ministro propone lo svuotacarceri. Ma per carità! Qui occorre ripristinare lo stato di diritto e la certezza della pena! Adesso pretendo che vengano trovati i responsabili! Lo pretende l’anima della nostra città ferita“.

Il giovane Scara, il sindaco “controvento” si mette contromano anche rispetto al Governo e anche rispetto al suo tesso partito. Sarà contento Matteo Renzi? Mah.

Quanto al furto nelle scuole, il fatto è odioso quanto quello al cimitero. Ed è la prova che chi ruba non ha rispetto per nulla e per nessuno. Detto questo a Chiusi, che è paese dove una certa ironia serpeggia sotterranea, fin dal tempo degli etruschi, già circolano battute al veleno: “E meno male che hanno nominato lo sceriffo!” . Già, il poliziotto Montebove, nominato “consigliere alla sicurezza”.  Il Comune ha anche attivato una convenzione con una associazione di sociologia investigativa per imprimere una stretta su tema sicurezza. “E i ladri hanno subito risposto”, dicono in paese. Anche tra i militanti del Pd, il partito di Scaramelli c’è  chi, sempre su facebook, commenta il post del sindaco domandandosi se “serva creare questo clima di panico o sia meglio attivare azioni da parte di chi è preposto” (così scrive Paolo Giglioni, per esempio).  Insomma il sindaco fa bene ad essere indignato, a chiedere che  ladri e vandali vengano assicurati alla giustizia, ma questo suo alzare i toni e invocare leggi eccezionali, o i “lavori forzati a vita”, con un linguaggio, diciamolo, più alla Gentilini e alla Borghezio, che non alla… Renzi, non convince tutti, anzi.  Si sa, chi semina vento, raccoglie tempesta…

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica