SUVIGNANO. TUTTO PRONTO PER LA MANIFESTAZIONE DI DOMENICA.

venerdì 06th, settembre 2013 / 17:54
SUVIGNANO. TUTTO PRONTO PER LA MANIFESTAZIONE DI DOMENICA.
0 Flares 0 Flares ×

Cresce il numero delle adesioni. Il parere del Sindaco di Monteroni, Armini, e del parlamentare PD, Dallai.

SIENA – Giù le mani da Suvignano! E’ questo il motto che si leva in terra toscana contro la decisione dell’Agenzia Nazionale per i beni confiscati alla criminalità, di vendere la tenuta sequestrata alla mafia venti anni fa. Sullo stesso sito di Primapagina, abbiamo pubblicato un’intervista alla Dott.ssa Laganà, dirigente dell’Agenzia Nazionale, in cui ha espresso le sue ragioni e cercato di tranquillizzare tutti. Regione Toscana, Coop, Libera, Comune di Monteroni d’Arbia, Provincia, i parlamentari senesi, Dallai e Cenni e tante altre associazioni, Domenica 8 Settembre, sfileranno per dire “NO!”. Ormai il dado è tratto.  Sulla tenuta di Suvignano è in corso, ormai da giorni, uno “scontro” tra Politica e Burocrazia, tra “Ragion di Stato” e volontà dei vari enti locali, Provincia, Comune ecc, di usufruire di un bene. Ricordiamo, per la cronaca, che il bando di vendita per Suvignano, parte da una base di 22 milioni di euro.  Mercoledì,  a Roma presso il Ministero dell’interno c’è stato un incontro tra il sottosegretario Domenico Manzione e  Luigi Dallai, parlamentare del Pd alla Camera e Jacopo Armini, sindaco di Monteroni D’arbia, per valutare le possibilità di sbloccare la situazione che si è venuta a creare per la tenuta di Suvignano.  “La partita rimane aperta – hanno spiegato Dallai e Armini –  Nell’incontro al Viminale sono state approfondite le eventuali modalità di un affidamento dell’ azienda agli enti locali che ne hanno fatto richiesta. Per la legge i beni immobili sono destinati al patrimonio del comune dove l’immobile è sito, in ottemperanza al principio cardine della norma del riutilizzo pubblico e sociale del bene confiscato. Per cui la questione che ha verosimilmente causato la decisione dell’Agenzia per i beni confiscati è legata al fatto che la tenuta di Suvignano è stata confiscata come bene aziendale, caso in cui la norma prevede la possibilità di affitto a imprese pubbliche o private, l’assegnazione gratuita a cooperative di dipendenti, oppure, come in questo caso, la vendita, ma aggiunge la norma quando questo corrisponda al maggior interesse pubblico”.
“Non ci fermeremo – hanno concluso Dallai e Armini – e domenica chiediamo a tutti i senesi di partecipare alla manifestazione di protesta, per porteremo avanti la battaglia a favore della legalità e a difesa di un progetto di rilancio e di crescita che oltre a muoversi nel rispetto della legge che prevede il riutilizzo pubblico dei beni confiscati alla criminalità organizzata, rappresenta un’opportunità di rilancio economico per il nostro territorio”.

“Oggi ho visto anche il viceministro Bubbico – esordisce il parlamentare senese del PD, Luigi Dallai, interpellato oggi telefonicamente –  che ha ribadito l’intenzione del Governo di riaprire la questione.  Siamo ragionevolmente ottimisti che si possa trovare una soluzione che veda coinvolti Regione, Provincia e Comune di Monteroni d’Arbia   Nessuno vuole mettere in dubbio la finalità pubblica dell’Agenzia e le loro intenzioni, ma la questione di Suvignano è antica e c’è un progetto con gli enti locali per gestirla e c’è la volontà di usufruire dei beni per finalità sociali. Non si capisce perché – conclude Dallai-  l’Agenzia insista nella volontà di venderla”

“Riapriamo per l’ennesima volta il fascicolo Suvignano al Minustero degli Interni – esordisce il Sindaco di Monteroni d’Arbia, Jacopo Armini-  E’ dal 2007 che cerchiamo di mettere un’interlocuzione che ci permetta di presentare per bene il nostro progetto su Suvignano. La mobilitazione di Domenica “Riprendiamoci Suvignano” sarà un segnale importante.  Suvignano è ormai un caso nazionale e la Politica si deve occupare di questo caso e non lasciarlo in mano alle pieghe delle burocrazie. Se la Politica saprà occuparsene sarà un bene per tutti e l’impegno del Viceministro Bubbico è un segnale importante. Domenica sarà  un tassello fondamentale per provare a fermare l’asta e dire sì al progetto di  A noi interessa che questa azienda torni ad essere produttiva creando lavoro e abbiamo chiesto alla Regione di sviluppare un business plan per rilanciare quest’azienda anche a livello occupazionale. Ricordo – conclude il Sindaco Armini – che il ritrovo è alle ore 9.00 al piazzale della Coop di Monteroni”

David Busato.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica
Mail YouTube