LA NUOVA PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE MPS HA PRESO CASA A CHIUSI

lunedì 02nd, settembre 2013 / 16:17
LA NUOVA PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE MPS HA PRESO CASA A CHIUSI
0 Flares 0 Flares ×

SI TRATTA DI ANTONELLA MANSI, 39 ANNI, VICEPRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA. E INTANTO RENZI LANCIA “SILURI” AL SINDACO DI SIENA VALENTINI, SUO SOSTENITORE…

SIENA – Antonella Mansi è la nuova presidente della Fondazione Mps.  Lo ha deciso all’unanimità la Deputazione generale.

Antonella Mansi, 39 anni, è vicepresidente di Confindustria con delega all’organizzazione. Maremmana, di Gavorrano, a Siena è nata e ha studiato e venerdì scorso ha preso la residenza in provicia di Siena, come previsto dallo Statuto della Fondazione. Per la precisione a Chiusi, in un appartamento di via Meucci, allo Scalo, contrada del Mar Nero. Appartamento di proprietà del costruttore Giannetto Marchettini, anch’egli esponente di Confindustria e amico personale della Mansi.

Le contrade di Chiusi Scalo non hanno la storia, il blasone, il glamour di quelle senesi. Ma sempre contrade sono, per altro in questi giorni impegnate nella loro sfida annuale: I Ruzzi della Conca. Chissà, a questo punto la neo presidente della Fondazione Mps potrebbe anche presenziare domenica prossima alla finalissima della Palla al Bracciale. Vedremo. Il sindaco Scaramelli, contradaiolo della prima ora, lo ha già incontrato questa mattina.

Antonella Mansi è Consigliere di Amministrazione e dirigente dell’azienda chimica di famiglia Nuova Solmine SpA, Consigliere di Amministrazione di SolBat Srl (Gruppo SolMar SpA), presidente della Banca Federico Del Vecchio (Gruppo Banca Etruria). Ha ricoperto gli incarichi di Consigliere di Amministrazione e Amministratore Delegato della Chimica Industriale Gaviol Srl; Consigliere di Amministrazione di SoRiS SpA; presidente di Confindustria Toscana dal gennaio 2008 al dicembre 2011 e componente il Direttivo nazionale di Confindustria; vicepresidente, con delega agli interni del Comitato Regionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria Toscana dal 2005 al 2007; dal luglio 2007 al settembre 2008 ne è stata Presidente. Presidente della Commissione di Statistica nell’Associazione Europea dei Produttori di Acido Solforico (ESA) fino al novembre 2010.

E’ stata insignita dal Presidente Giorgio Napolitano dell’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana.

MANSIDal punto di vista politico Antonella Mansi non è facilmente etichettabile. Il centro destra ha provato in passato a candidarla, lei ha sempre declinato l’offerta. Ma non per questo è inquadrabile nell’area di centro sinistra.

Di sicuro, però,  il suo nome è apparso quello in grado di ottenere il massimo consenso. Non è stato così per Franco Maria Pizzetti, scaricato dal sindaco di Siena proprio per ” favorire la massima convergenza della deputazione su un nome più condiviso”.

E proprio il sindaco della città del Palio spiega: «Si è trovata sintonia tra gli enti nominanti sulla candidatura Mansi che mi sembra abbia grandi capacità relazionali. L’emergenza finanziaria – ha aggiunto Valentini – sarà la priorità da affrontare per il nuovo presidente e per la nuova deputazione amministratrice. Serviranno cuore, coraggio e competenza».

Intanto però, ieri, nel suo intervento alla festa del Pd di Genova, Matteo Renzi, annunciando la sua disponibilità a candidarsi alla guida del Pd, ha anche tirato un piccolo siluro ai renziani in generale (“chi si dice renziano va curato”) e uno più specifico al renziano sindaco di Siena Valentini. Renzi ha infatti rivelato uno scambio di Sms con Valentini:  «Matteo allora vado a diritto sulle nomine, va bene?» scrive il sindaco di Siena Bruno Valentini. E Renzi risponde: «Bruno, ma che c’entro io con le nomine di Mps? la politica deve starsene fuori»

Detta così, in pubblico, in mezzo ad una platea di militanti e davanti alle Tv di tutta Italia il povero Valentini non è che ci faccia una gran figura. Lui, il rottamatore senese che chiede l’ok al capocorrente, proprio mentre questi dichiara guerra al correntismo e si dice fuori da questi giochi…

Un siluro peraltro indirizzato ad un suo sostenitore della prima ora. Che evidentemente Renzi vuol sacaricare o tenere a debita distanza. E non è questione di Guelfi e Ghibellini, dell’antica e mai sopita guerra tra senesi e fiorentini. Renzi era a Genova, non a Monteaperti.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica