TRENI SOPPRESSI IN TOSCANA. TUTTI CONTRO TRENITALIA

martedì 27th, agosto 2013 / 16:13
TRENI SOPPRESSI IN TOSCANA. TUTTI CONTRO TRENITALIA
0 Flares 0 Flares ×

Ieri l’Assessore regionale alle Infrastrutture, Ceccarelli ha protestato con Trenitalia. Il Comitato Pendolari della Valdichiana: ” Non ci stiamo!”

SIENA –  Trenitalia sotto accusa. I numeri, specie negli ultimi giorni, sono da ecatombe: 15 cancellazioni di treni al giorno. E questa è la media, perchè ci sono giorni in cui il numero dei treni soppressi è  stato superiore. I vari comitati dei pendolari della Toscana e l’Assessore Ceccarelli hanno duramente protestato contro Trenitalia. Il Direttore regionale di Trenitalia, Gianluca Scarpellini, ha ricevuto qualche giorno fa una lettera di protesta dell’Assessore Ceccarelli: ” E’ inaccettabile – ha scritto Ceccarelli – un numero così alto di soppressioni programmate di treni alle quali poi si aggiunge l’ordinaria emergenza. Le chiedo, dunque, di assumere da subito tutti i provvedimenti necessari per far sì che questa situazione abbia a cessare. E’ evidente che in estate, in tutte le amministrazioni e le aziende si deve fare i conti con il periodo di ferie. E’ altrettanto evidente che, in estate, su tutte le linee la quantità dei servizi si riduce in modo sensibile. Questo fatto dovrebbe mettere nelle condizioni l’azienda di affrontare il problema della minore disponibilità di personale. “Vi siamo grati – ha concluso l’assessore – per le informazioni che quotidianamente ci vengono inviate, ma non possiamo continuare a limitarci a informare i cittadini di un disservizio, senza che la Regione possa fare niente per impedirlo o per difendere gli interessi dell’utenza, se non applicare le sanzioni previste dal contratto di servizio ”.

La causa di tutto ciò? La carenza di personale  di Trenitalia.

Anche i Comitati dei pendolari della Toscana in un comunicato hanno scritto: ” Non ci stiamo. Inaccettabili 15 cancellazioni al giorno, paghiamo troppo care le carenze di Trenitalia. Perché se il personale di Trenitalia è in ferie devono pagare i pendolari? Negli ultimi giorni le cancellazioni dei treni per le ferie del personale, per guasti e maltempo sulle linee toscane sono arrivati a una media di 15 al giorno con infiniti disagi per i pendolari che sono sempre più penalizzati dalle carenze di Trenitalia. I pendolari non ci stanno. Il Coordinamento dei pendolari della Toscana ringrazia l’assessore Ceccarelli per la lettera di protesta inviata ieri al direttore regionale di Trenitalia Gianluca Scarpellini, e ribadiscono che nel prossimo contratto di servizio tra Regione e Trenitalia, è indispensabile rivedere le sanzioni per i mancati servizi come richiesto e documentato dai Comitati dei pendolari nell’indagine svolta dalla Commissione trasporti regionale. É  infatti palese che per Trenitalia sia più conveniente pagare le multe per le cancellazioni dei convogli e per i disservizi piuttosto che offrire ai viaggiatori servizi funzionanti e treni puntuali. Apprezzando il nuovo servizio di informazione “Treni News” sui convogli recentemente attivato da Trenitalia attraverso la Regione Toscana, ricordano all’azienda ferroviaria che una corretta e trasparente informazione è un diritto dei viaggiatori e che c’è ancora molto da fare per il servizio attivato anche grazie alle innumerevoli proteste dei Comitati dei pendolari”.

Dal canto suo Trenitalia ha scritto in una nota: ” Negli ultimi giorni le soppressioni sono aumentate per una concentrazione improvvisa di ferie programmate con assenze per leggi sociali ( malattia, ecc). Sono già previsti integrazioni di personale proveniente da altre regioni”.

David Busato

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica
Mail YouTube