IL PD SECONDO STEFANO (E SECONDO MATTEO): MA COSA C’ENTRA LA CARITA’ CON LA SINISTRA?

martedì 27th, agosto 2013 / 12:03
IL PD SECONDO STEFANO (E SECONDO MATTEO): MA COSA C’ENTRA LA CARITA’ CON LA SINISTRA?
0 Flares 0 Flares ×

IL SINDACO DI CHIUSI ALLA FESTA PD DI SIENA SPIEGA I VALORI FONDANTI DELLA SINISTRA CHE HA IN MENTE RENZI. INTANTO ALCUNI LO DANNO GIA’ “CANDIDATO” AL PARLAMENTO. CHIUSI TORNERA’ PRESTO AL VOTO?

“La sinistra che abbiamo in mente è una Sinistra del cambiamento che cerca di superare le disuguaglianze, che vuole cambiare l’attuale società e, per farlo, concetti come solidarietà, carità, uguaglianza e merito vanno ricondotti ad una unità di intenti nella proposta di Partito Democratico. Un Partito fondato sulla partecipazione e non più sull’apparato. Per noi democratici   il riferimento alla carità è da intendere come dimensione umana rivolta ad accogliere l’ultimo, l’indifeso e il debole. Vogliamo attuare azioni finalizzate a difendere tutti gli strati della società, per farlo, occorre fare politiche solidali in cui equità, giustizia e corretta ripartizione delle risorse vengano ridistribuite su basi sociali capaci di comprendere il disagio e stare al fianco di chi soffre. In questo senso offriamo il nostro impegno politico a favore di una società più giusta, in cui la carità si sposa con il merito: il punto di riferimento indispensabile per dare nuove opportunità ai giovani, per costruire le condizioni grazie alle quali possano esprimere i propri talenti, sapendo che partono tutti dalle stesse condizioni, indipendentemente dalle famiglie di origine e dalle condizioni sociali”.   Così il sindaco di Chiusi e coordinatore provinciale senese dei renziani Stefano Scaramelli ha spiegato alla festa Pd di Siena quale sia l’idea di sinistra che ha in mente Matteo Renzi.

Carità, solidarietà, uguaglianza e merito. Questi i punti cardine della proposta politica renziana. I punti su cui – secondo Scaramelli – dovrebbe fondarsi la sinistra… Ora, Scaramelli viene dai Ds, ma si è formato in  parrocchia. E’ di estrazione cattolica, praticante, come Renzi che però viene dalla Dc…  Probabile che abbia una forte considerazione del concetto di carità, molto caro ai cristiani.  Ma se parole come solidarietà, uguaglianza e merito, possono a buon diritto figurare nel lessico fondamentale della sinistra (erano già nel vocabolario del Pci, del Psi  e di altri movimenti di sinistra, del resto), appare un po’ più ardito il riferimento alla carità, che per definizione è un atteggiamento sì di attenzione verso chi ha più bisogno, ma rappresenta spesso solo una cura palliativa, che allevia il disagio momentaneamente, ma non risolve il problema alla radice. Anzi tende a perpetuare e a lasciare il problema così com’è.  La “carità”  insomma può aiutare chi è a disagio, ma soprattutto aiuta a scaricare la coscienza di chi la fa.  Che c’entra la “carità” con la sinistra, con i valori della sinistra?  Accogliere i migranti e non sparargli addosso o gettarli a mare (come molti vorrebbero fare) è semplicemente gesto di civiltà, di solidarietà, dovere politico per uno Stato democratico, non è “carità”. Garantire condizioni dignitose nei centri di accoglienza agli stesi migranti, nelle carceri ai carcerati, nelle periferie urbane ai diseredati non è carità, è dovere civico.  Gli aiuti a popolazioni afflitte da carestie, alluvioni, terremoti o da guerre è azione umanitaria, non è carità. Non si possono criticare le commistioni tra politica e religione negli Stati islamici (e certe commistioni sono sempre pericolose) e poi pensare ad una politica basata su principi che sono più religiosi che civili…

La “carità” è, come il credere in Dio, una questione privata. Un moto dell’anima, un gesto intrinsecamente personale, non può diventare principio politico. Tanto meno principio politico di una forza che si propone come forza di cambiamento, che intende in qualche modo migliorare le condizioni di vita e di lavoro della gente.  La solidarietà c’è sempre stata tra le classi popolari (oggi ce n’è un po’ meno, per la verità),  tra i contadini che lottavano per la terra, tra gli operai delle fabbriche, tra gli artigiani che pure sono individualisti per natura…  La solidarietà ha contribuito a sostenere battaglie lunghe e dure. Con la semplice “carità” quelle battaglie non non sarebbero state vinte e nemmeno combattute.

Le parole di Scaramelli – che sembrano sincere – dette peraltro ad una Festa del Pd, dimostrano come il Pd non abbia ben chiaro quale sia e debba essere il suo orizzonte. Lasciano intendere che ci sia ancora molta nebbia intorno al progetto Pd, ammesso che esista un progetto Pd. Lui, come Renzi, ha forse voluto tentare di alzare l’asticella, provando per una volta a non parlare di Imu e tasse, per fissare almeno qualche paletto ideale cui aggrapparsi… Un modo per dire: anche noi abbiamo dei valori. Solo che ha fatto un po’ di confusione. Alcuni li ha azzeccati e uno no. Ma anche Mario Gomez ha preso solo il palo. Succede. Ci rifletta il sindaco di Chiusi. E rifletta bene anche sulle sue prossime mosse.

La sua presenza  alla festa senese del Pd  lo consacra come number one dei renziani senesi e – secondo voci bene informate interne al partito – anche come possibile candidato al parlamento in caso di elezioni anticipate. Ipotesi questa tutt’altro che remota. E una candidatura Scaramelli in quota Renzi, esporrebbe Chiusi alla stesa situazione in cui la città si trovò dopo la chiamata di Ceccobao in Regione per fare l’assessore ai trasporti (poi si è visto come è finita).  Scaramelli di questa eventualità per ora non parla. Ne parlano gli altri. Sia i suoi compagni di cordata, sia gli avversari. E nemmeno troppo sottovoce. Secondo alcuni i confini chiusini comincerebbero a stargli stretti, lui guarda già altrove… Insomma avrebbe già la valigia in mano. Destinazione Roma.  Più che Gomez sembra Ljajic…

Nel caso, Chiusi dovrebbe anticipare il voto per l’ennesima volta. Per il Pd potrebbe essere una debacle. Forse è per questo che Scaramelli parla di “carità”…  Chi lo salverebbe il Pd dopo una mossa del genere?

Marco Lorenzoni

 

 

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Consorzio di bonifica