IL CHIUSI VINCE IL DERBY CON IL SANSOVINO E INTRAVEDE LA SALVEZZA. MA C’E’ ANCORA DA SUDARE

lunedì 09th, aprile 2018 / 18:47
IL CHIUSI VINCE IL DERBY CON IL SANSOVINO E INTRAVEDE LA SALVEZZA. MA C’E’ ANCORA DA SUDARE
0 Flares 0 Flares ×

AUTARCHICI IN CADUTA LIBERA, CHIANCIANO SUGLI ALLORI. MONTALLESE E CETONA IN CORSA PER LA PROMOZIONE

CHIUSI – Ci sono partite in cui il risultato non è importante… è tutto.  Partite che devi vincere, senza se e senza ma. Il come è secondario. La partita di ieri con il Sansovino era una di quelle. E il Chiusi ha vinto. Di misura, sbagliando il giusto (anche troppo) e soffrendo abbastanza. Ma ha vinto. Questo era ciò che contava. E se anche i biancorossi giocavano in casa, nulla era scontato, perché la gara veniva dopo una sosta di 3 settimane, perché era uno scontro diretto per la salvezza e perché era anche un quasi derby… Tutti ingredienti che potevano anche far impazzire la crema…

E’ andata come doveva andare. Ci ha pensato il solito, indomabile Bastianelli, unico vero bomber della squadra. Anche se in teoria sarebbe più una seconda punta che un centravanti vero e proprio. Ma il ragazzo segna. E’ quarto nella classifica cannonieri con 13 gol.

Se il campionato finisse qui, il Chiusi sarebbe salvo, senza dover passare per i play out. Per la prima volta in stagione è sopra la soglia della salvezza diretta. Ma il campionato non finisce qui. Mancano ancora 4 partite. La prossima sarà ancora uno scontro diretto, stavolta fuori casa, contro l’Olimpia Palazzolo che è penultima e ha 5 punti in meno. Guai a rilassarsi o a prendere l’impegno sottogamba. E magari certe occasioni come alcune capitate ieri, sarà meglio che i ragazzi di mister Laurenzi le sfruttino a dovere. Gara successiva ancora fuori, per la precisione a Subbiano, campo ostico per definizione e squadra che ha 6 punti in più. Le altre due partite in programma prevedono Audax Rufina in casa e Cortona Camucia fuori. La prima è una squadra di alta classifica, attualmente è quarta, a pari merito con la terza e a soli 3 punti dalla prima; quindi non sarà certo avversario facile. La seconda è una lunghezza sotto al Chiusi, quindi anch’essa in lotta per tirarsi fuori dalle sabbie mobili. Si profila una gara da dentro o fuori. Di quella in cui lo stadio di solito diventa un fortino e il pubblico un uomo in più… Il calendario insomma non sembra essere troppo favorevole al Chiusi, anzi sembra piuttosto complicato. Servirà massima concentrazione, voglia di vincere e capacità di soffrire e gettare il cuore oltre l’ostacolo. La parabola della Fiorentina fatta di 5 vittorie consecutive dopo il dramma Astori, insegna che nel calcio possono succedere cose straordinarie e inusitate. Vero che il Chiusi non aveva previsto tutto questo… che sembrava una squadra costruita per le primissime posizioni, ma la stagione è andata così, sono annate che capitano… Adesso Bastianelli e compagni sono lì a cercare di mettere il naso fuori dal fango, ce la possono fare.  Il Chiusi ha giocatori esperti, di carattere e con i piedi buoni e giovani che hanno dimostrato di poter giocare in questa categoria ad un buon livello. L’obiettivo salvezza diretta è non semplice da raggiungere, ma è alla portata. E già trovarsi oltre la soglia, dove si respira aria migliore, può aiutare…

Continua invece la “discesa libera” della seconda squadra chiusina. Gli Autarchici gli ultimi punti li hanno conquistati il 18 febbraio contro il Trequanda. Poi sono arrivate 5 sconfitte consecutive con 10 gol subiti e un solo gol messo a segno. Ruolino di marcia da paura, stile Udinese. Il cambio di allenatore con Paolo Mazzuoli al posto di Giuliacci uscito di sintonia con giocatori e dirigenza, sembra non aver dato alcun effetto. Due gare, due sconfitte, la prima in casa nel derby con il Chianciano e ieri sul campo della capolista Montagnano (0-1 e 3-0). La squadra del presidente Cupelli è ancora fuori dalla griglia rovente dei play out, ma la distanza è di soli 4 punti. Intanto continua la marcia quasi trionfale della Virtus Chianciano, che ieri ha battuto l’Atletico Piazze 3-0 confermandosi seconda, dietro, appunto al Montagnano che ha due punti in più. Resta in zona Play off anche l’Atletico Piazze che ha 5 punti di vantaggio sulla prima inseguitrice.

Pareggio 2-2 per il Montallese contro la capolista Monteroni. I grigiorossi sono quarti, a due punti dalla seconda che è il Cetona 1928 (0-0 ieri a Sovicille), in piena zona play off. La promozione in seconda è ancora possibile.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Mail YouTube

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...