E’ MORTO VITTORIO TAVIANI, NEL ’72 GIRO’ A CITTA’ DELLA PIEVE “SAN MICHELE AVEVA UN GALLO”

lunedì 16th, aprile 2018 / 20:12
E’ MORTO VITTORIO TAVIANI, NEL ’72 GIRO’ A CITTA’ DELLA PIEVE “SAN MICHELE AVEVA UN GALLO”
0 Flares 0 Flares ×

Ieri, 15 aprile è morto a Roma Vittorio Taviani il regista che insieme al fratello Paolo ha firmato alcuni film importanti come Padre Padrone, Allonsanfàn, Good morning Babilonia, Le affinità elettive fino a Cesare deve morire, del 2012 girato a Rebibbia con i carcerati come attori…

Vittorio Taviani aveva 89 anni. Il cinema italiano perde un autore di rilievo. Uno di quei registi che hanno segnato senza dubbio una stagione feconda. Quella che venne dopo il neorealismo e la commedia all’Italiana e si può in qualche modo indicare come il Cinema del ’68. Non solo per una questione temporale, ma anche perché i temi del ’68 echeggiano dal primo film, che è “I sovversivi”, del 1967, fino alla produzione più recente. E quei temi ci sono, sullo sfondo, nei dialoghi, anche quando i film sono ambientati in epoche diverse, magari nel Risorgimento o nei giorni roventi della liberazione dal nazifascismo… Da queste colonne vorremmo ricordare Vittorio Taviani per un film in particolare. Un film che fu girato in questo territorio, precisamente a Città della Pieve, nel 1972: San Michele aveva un gallo. La storia, liberamente tratta dal racconto di Lev Tosltoj Il divino e l’umano, è quella dell’anarchico internazionalista Giulio Manieri che nel 1870 guida un gruppo di compagni in un velleitario tentativo rivoluzionario in un piccolo paese umbro, Città della Pieve, appunto, che si conclude in un inevitabile fallimento che gli costa la condanna a morte. La pena gli viene però commutata nell’ergastolo e Manieri trascorre le interminabili giornate di reclusione solitaria inscenando con sé stesso dei dibattiti politici, riuscendo così a sopravvivere all’isolamento ma scivolando progressivamente verso l’insanità mentale. Dopo dieci anni di prigionia, deve essere trasferito in un altro carcere. Durante il viaggio in barca verso la nuova sistemazione, nella laguna di Venezia, incontra un’altra barca che trasporta verso la stessa meta un gruppo di giovani sovversivi. Convinto di trovare in loro un comune sentire e di poter riprendere insieme quel dibattito che per anni ha proseguito da solo, scopre invece che il suo idealismo utopico e i suoi metodi di lotta non sono affatto condivisi, ma anzi sconfessati se non addirittura irrisi da quella nuova generazione di ribelli, animati da una strategia politica radicalmente diversa, meno sognatrice e più concreta, fondata sull’analisi scientifica della realtà, e convinti di non poter assistere in prima persona ai grandi cambiamenti ma di lavorare per il futuro. Profondamente deluso da questo confronto, sentendosi ormai inutile e sorpassato dalla storia, si lascia scivolare in acqua  annegandosi…

Il film è un apologo sul conflitto politico-esistenziale tra socialismo utopistico e socialismo scientifico tra due modi di intendere la rivoluzione, quello anarchico e quello marxista. Un tema che anche negli anni intorno al ’68 animò fortemente il dibattito all’interno del “movimento”…

San Michele aveva un gallo è il terzo dei quattro film dei Taviani interpretati da Giulio Brogi, dopo I Sovversivi (1967) e Sotto il segno dello scorpione (1969) e prima de Il prato (1979). Secondo la critica cinematografica San Michele è “uno dei film più armoniosi ed equilibrati e anche uno dei più riusciti e sentiti dei Fratelli Taviani che riuscirono attraverso l’interpretazione di Brogi a sopperire ai limiti del budget.

Città della Pieve si scoprì per la prima volta set da film. E la presenza della troupe fece un certo scalpore, così come fece scalpore il tema trattato: il ’68 era ancora vicino e la sinistra all’epoca era in crescita, ma anche attraversata da fermenti e fratture dolorose, come quella dolorosa dell’espulsione del gruppo del Manifesto, dal Pci.

Anche il successivo Allonsanfan del ’74 riprende il medesimo tema del fallimento dell’utopia rivoluzionaria nel risorgimento, ma con riferimenti anche a tempi più attuali, caro ai Taviani.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
, , ,
Mail YouTube

No Banner to display

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...