5 STELLE SENZA PACE: CANDIDATO DI POTENZA INDAGATO A SIENA PER RICICLAGGIO… 4 ANNI FA VOLEVA ACQUISTARE IL SIENA CALCIO

venerdì 23rd, febbraio 2018 / 12:42
5 STELLE SENZA PACE: CANDIDATO DI POTENZA INDAGATO A SIENA PER RICICLAGGIO… 4 ANNI FA VOLEVA ACQUISTARE IL SIENA CALCIO
0 Flares 0 Flares ×

Non c’è pace tra le stelle. Almeno tra le 5 del Movimento di Beppe Grillo. Se pare destinato a sgonfiarsi il “caso” del candidato De Falco, dopo che la moglie (in via di separazione) ha smentito l’accusa di “aggressione” nei confronti suoi e di una figlia, ecco che da Siena arriva un’altra tegola. Sempre tramite il Corriere della Sera che sembra avere un conto aperto con i 5 Stelle.

Era stato proprio il quotidiano milanese a riportare per primo la notizia dell’accusa della moglie al capitano De Falco, con tanto de deposizione (non denuncia però) davanti alla polizia,  ed è ancora il Corriere, con un articolo di Fiorenza Sarzanini, firma prestigiosa peraltro, a far sapere che un altro candidato dei 5 Stelle, Salvatore Caiata, presidente del Potenza Calcio, è finito sotto inchiesta a Siena per riciclaggio. Il candidato pentastellato sarebbe coinvolto in una inchiesta sul reimpiego di fondi relativi a vari passaggi di proprietà di bar e ristoranti, tra i quali anche un notissimo locale in Piazza del Campo ceduto la scorsa estate.

Salvatore Caiata, capolista per il Movimento grillino a Potenza, nel 2009 aveva fatto parte del coordinamento provinciale senese di Forza Italia. E’ uno dei candidati scelti personalmente da Di Maio e la sua candidatura alla Camera è stata ufficializzata lo scorso 29 gennaio nella conferenza di presentazione della squadra.  Sarà lo stesso Di Maio ora a decidere cosa fare.

Nell’inchiesta avviata dalla Procura di Siena, Caiata è entrato insieme a Cataldo Staffieri, il responsabile de La Cascina per Toscana e Umbria e con il quale ha concluso diversi affari relativi ad attività di ristorazione, nel 2014 stava per rifondare il Siena calcio dopo il fallimento della società in mano a Massimo Mezzaroma. Nel mirino degli inquirenti i passaggi di proprietà, il riutilizzo dei capitali attraverso altre aziende e conti correnti anche esteri.

Il personaggio, evidentemente stimato da Di Maio, dal punto di vista politico ha fatto un bel salto, passando da Forza Italia ai 5 Stelle. Ormai quello del salto della quaglia tra i politici è uno sport molto diffuso. Si pensi a Casini che va a fare comizi nelle sezioni del Pd sotto i ritratti di Gramsci, Togliatti e Berlinguer e a Bologna per il Pd sfiderà Errani che è passato a Liberi & Uguali. Per dire… Se mai, a proposito di Caiata, viene da chiedersi, come mai, un tipo molto dinamico, con interessi molteplici e molteplici business decida di candidarsi al Parlamento. Una delle parole d’ordine care ai 5 Stelle è “segui i soldi” (con riferimento ai casi di malaffare e gli intrecci politica-economia-delinquenza). Ecco in questo caso, gli inquirenti i 5 stelle li hanno presi in parola: stanno proprio seguendo i soldi… Vediamo dove arrivano.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
, ,
Mail YouTube

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...