LUDWIG E LA RIVOLUZIONE DIGITALE DEL SUD

giovedì 11th, gennaio 2018 / 13:55
LUDWIG E LA RIVOLUZIONE DIGITALE DEL SUD
0 Flares 0 Flares ×

Un team tutto siciliano dietro la creazione di Ludwig, traduttore inglese ad alto livello. La rivoluzione digitale scoppia al Sud

Antonio Rotolo, siciliano, 33 anni, si trova al MIT di Boston quando  l’idea di un traduttore inglese ad alto livello comincia a frullargli per la testa. Nonostante i 25 anni di studio e comunicazione in lingua inglese ha realizzato che la sua abilità nello scrivere è comunque inferiore a quella di un madrelingua. Di conseguenza lo è anche la sua capacità competitiva sul mercato.

Un pensiero molto vicino a quello espresso dal celebre filosofo del linguaggio Ludwig Wittgenstein: I limiti del mio linguaggio sono i limiti del mio mondo, e che si traduce in pochi anni nella nascita del software “Ludwig”, il cui nome si ispira proprio al filosofo.

Antonio Rotolo parla infatti della sua idea a Roberta Pellegrino e Federico Papa, due amici che, come lui, da lungo tempo girano il mondo per lavoro. L’obiettivo è quello di creare un traduttore che permetta di scrivere in inglese come un nativo.

Nel 2014 il progetto vince al  Working Capital di Telecom Italia e ottiene un premio di 25mila euro  che, insieme agli investimenti personali, permette di costruire l’algoritmo di Ludwig.  Nel 2016 il software è pronto per il lancio nel mondo della Rete.

Che cosa è: Ludwig è un motore di ricerca linguistico per chi già ha una buona padronanza della lingua inglese. L’utente inserisce una frase in inglese (o in italiano) e la piattaforma, oltre alla traduzione e al significato, offre un ventaglio di frasi per aiutare a capire il  senso e l’uso contestuale  di quella determinata espressione.

Ludwig include attualmente circa 100 milioni di frasi prese da fonti autorevoli quali Forbes, New York Times, Guardian, BBc.  È  gratuito ma la squadra (foto in evidenza), che include due ingegneri, un designer e un manager di comunicazione, sta lavorando ad alcune feature che saranno a pagamento come un archivio di frasi più usate (tipo playlist), e uno spazio per creare documenti.

Antonio, Roberta e Federico continuano a trottare per il mondo ma la sede di Ludwig è a Catania. Tutti i componenti della squadra sono di origine siciliana ed è proprio lì che il Team di Ludwig vuole creare una realtà lavorativa.

Una scelta azzeccata e in piena sintonia con la Rivoluzione Digitale del Sud. Nel settore della digitalizzazione – cioè di aziende dedite alla produzione di software, consulenza informatica, elaborazione dati, portali web, hostings; erogazione di servizi di accesso a Internet e altre attività relative alle telecomunicazioni e il commercio al dettagli in Rete – la Sicilia si aggiudica il secondo posto per percentuale di crescita dopo la Campania.

Il Rapporto Censis/Confcooperative Digitalizzazione, gli effetti sul mercato del lavoro e sui consumi rileva cheCampania, Sicilia e Puglia sono tra le prime quattro regioni italiane dove negli ultimi 6 anni c’è stata la maggiore crescita di imprese digitali. In Campania le imprese digitali sono cresciute del triplo rispetto al Piemonte”.

Nello specifico, tra il 2011 e il 2017 gli incrementi maggiori sono stati del 26,3% in Campania, 25,3% in Sicilia, 25,1% in Lazio e 24,2% in Puglia. Spostando il confronto a livello nazionale, i risultati non cambiano: il Mezzogiorno è quello con il più alto tasso di crescita di imprese digitali, +21,9%; seguito dal Centro con un incremento del 20,7%, mentre al Nord si osserva un’estensione della base produttiva del 14%.

Elda Cannarsa

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
, ,
Mail YouTube

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...