CITTA’ DELLA PIEVE, IL COMITATO PER IL DIRITTO ALLA SALUTE RECLAMA UN PRONTO SOCCORSO E UNA STRUTTURA OSPEDALIERA PER IL TERRITORIO

lunedì 13th, novembre 2017 / 14:52
CITTA’ DELLA PIEVE, IL COMITATO PER IL DIRITTO ALLA SALUTE RECLAMA UN PRONTO SOCCORSO E UNA STRUTTURA OSPEDALIERA PER IL TERRITORIO
0 Flares 0 Flares ×

Il 7 novembre scorso, nella sala Sant’Agostino di Città della Pieve, si è riunita l’Assemblea dei membri del Comitato per il Diritto alla Salute Art32. Tra i punti dell’Ordine del Giorno l’approvazione della richiesta agli organi regionali competenti di un Pronto Soccorso e di una struttura ospedaliera adeguata alle esigenze sanitarie del territorio. Il Comitato sostiene che la conversione del Punto di Prima Assistenza in Punto di Primo Soccorso  non sia sufficiente in quanto non rappresenta un’effettiva, efficace soluzione al problema di emergenza-urgenza.

Riassumiamo brevemente le modalità in cui dovrebbe operare il punto di Primo Soccorso di Città della Pieve: secondo quanto previsto dalla Regione, avrebbe una seconda ambulanza del 118 con uno staff composto da autista e infermiere/a. È previsto che Il servizio della seconda ambulanza sia disponibile dalle 8 alle 13 mentre dalle 13 alle 20 sarà su “reperibilità” dell’autista. Nelle disposizioni della Regione si prospetta anche un’auto medicalizzata da condividere con Castiglione del Lago e Passignano sul Trasimeno ma al momento è “in itinere”, cioè in fase di acquisto. Nel Punto di Primo Soccorso ci sarà un medico H12 (nella Prima Assistenza era presente H24) e un infermiere H24. Durante la notte, non voglia mai succeda qualcosa, si farà riferimento alla Guardia Medica.

Di seguito pubblichiamo il Comunicato Stampa del Comitato in merito alla richiesta avanzata. Il Comitato informa che tale documento è stato inviato con posta certificata agli organi regionali e per conoscenza ai sindaci del territorio interessato, in data 9 novembre c.m. Il Documento, come notificato dai rappresentanti del Comitato, è visibile in versione integrale sulla pagina Facebook.

Il Comitato Civico per il Diritto alla Salute-Art.32 costituitosi a Città della Pieve in seguito alla chiusura dell’Ospedale Beato Giacomo Villa e del Pronto Soccorso, chiede con forza un’adeguata risposta sanitaria al reale fabbisogno degli abitanti di questo territorio sia in materia di presìdi di emergenza che di disponibilità di strutture ospedaliere di ricovero.

Intendiamo per “territorio” l’area del Distretto del Trasimeno (57.966 abitanti) a cui si aggiungono i Comuni fuori regione della bassa Valdichiana e i Comuni dell’Alto Orvietano che, per situazione geografico-viaria,  da sempre fanno riferimento ai servizi sanitari della nostra zona. In altre parole, un luogo di confine diviso tra tre Asl (Asl Umbria 1 e 2, Asl Siena) dove, una volta congedato il progetto dell’Ospedale Unico, il diritto alla salute si è esaurito nella proposta di un Primo Soccorso con benefici (se pure) tutti da verificare.

In quanto a ospedali, resta faticosamente in piedi quello di Castiglione del Lago che tuttavia  è una struttura piccola, con insufficienti possibilità di ampliamento data la collocazione topografica, e dove non si può neanche partorire a causa della chiusura del reparto di ginecologia e ostetricia avvenuta due anni fa.

Eppure, queste amene terre rientrano nella definizione di “aree  geograficamente e meteorologicamente ostili o disagiate, tipicamente in ambiente montano o premontano con collegamenti di rete viaria complessi e conseguente dilatazione dei tempi”, come recita il Decreto n.70 del 2 aprile 2015. Pertanto, sempre nel suddetto Decreto si legge che” può essere prevista la funzione di Pronto soccorso, come descritta, in presidi ospedalieri di aree disagiate (zone montane, isole) anche con un numero di abitanti di riferimento inferiore ad 80.000″ (punto 9.2.1 DM 70 2 aprile 2015). Nell’area del Trasimeno si registra inoltre una deficienza di circa 100 posti letto rispetto a quanto stabilito dallo stesso Decreto.

I risultati dei tagli selvaggi alla sanità sono sotto gli occhi di tutti tranne,sembra, quelli del decisore pubblico. Un decisore che peraltro poco si preoccupa di coinvolgere i cittadini nell’elaborazione e attuazione di politiche che li riguardano. Rispetto al resto d’Europa il sistema italiano è sotto finanziato e le numerose incursioni legislative, di volta in volta, erodono i fondi messi a disposizione. A fine del triennio (2018-2020) il rapporto rispetto al PIL sarà del 6,4%,  al di sotto di quella soglia del 6,5% che l’OMS ritiene critica ai fini del mantenimento di un buono stato di salute della popolazione .

La situazione sanitaria è critica. Crescono la preoccupazione e l’incertezza rispetto alle soluzioni finora proposte: un Punto di Prima Assistenza prima e di Primo Soccorso poi che non garantiscono un’ emergenza-urgenza adeguata alle reali necessità di un territorio disagiato. Un vero e proprio abbandono sanitario che a lungo -ma neanche tanto- termine rischia di favorire la desertificazione.

In nome dell’articolo 32 della Costituzione e di un Sistema Sanitario Nazionale Pubblico che per nascita e definizione tutela la salute di tutti i cittadini senza discriminazioni,  il 9 novembre c.m abbiamo inviato la seguente richiesta a  tutti gli organi regionali competenti, certi di un riscontro a breve termine:

1) il rispetto di quanto stabilito dal Decreto Legge 2 aprile 2015, no.70 in merito ai posti letto ospedalieri disponibili sul territorio.

Da ottenersi:

  1. a) con la realizzazione del già programmato ospedale unico

 oppure

  1. b) con l’utilizzo delle strutture esistenti a Castiglione del Lago e Città della Pieve, frazionando i reparti nelle due strutture

2) disponibilità di un vero Pronto Soccorso efficiente e adeguato alle reali necessità del territorio in questione

Stefano Acquarelli

Presidente Comitato per il Diritto alla Salute Art32

e.c.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
, , , ,
Mail YouTube

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...