Chiusi, sabato 25 appuntamento con Gec & Book: stavolta si parla di calcio. Un calcio che merita di essere raccontato…

martedì 21st, marzo 2017 / 16:44
Chiusi, sabato 25 appuntamento con Gec & Book: stavolta si parla di calcio. Un calcio che merita di essere raccontato…
0 Flares 0 Flares ×

ORE 18,30 BAR IL BERSAGLIERE: INCONTRO CON LUCA FRAZZI E IL SUO LIBRO “LONTANO DA HIGHBURY”

CHIUSI – Sarà il calcio il protagonista del prossimo appuntamento di “Gec & Book” (presentazione di libri con presenza dell’autore) inserita nella Rassegna “Libriamoci” del Comune di Chiusi e in collaborazione con l’Associazione Chiusi in Vetrina.

L’associazione GEC – Gruppo Effetti Collaterali che cura l’iniziativa ha preparato un programma molto vario di presentazioni di libri, trattando molti argomenti: dalla musica al romanzo contemporaneo, alla cucina e questa volta al Bar Il Bersagliere di Chiusi Scalo , si parlerà dello sport più popolare in Italia e nel mondo: il calcio. Anzi un certo tipo di calcio. Quello che merita ancora di essere raccontato perché è un calcio fatto di passioni forti, di appartenenza e identificazione… E’ il calcio che non è solo spettacolo e business, ma anche “anema e core”, anche se si gioca a latitudini diverse dal caldo di Napoli… Più fredde, grige, nebbiose. Ma non per questo meno roventi. Anzi.

L’appuntamento è per sabato 25 marzo alle ore 18,00 al Bar Il Bersagliere, via Oslavia Chiusi Scalo. Sotto i riflettori ci sarà Luca Frazzi con il suo libro “Lontano da Higbury – Diario italiano dell’indimenticabile stagione dell’Arsenal 2001-2002” .

Definito divertente, appassionato, struggente, “Lontano da Highbury” parla la lingua dei  tifosi di ogni tempo e di ogni paese: l’anima irriducibile di un calcio popolare.
Protagonista una delle squadre più seguite del Regno Unito, quella dei ‘Gunners’ del nord di Londra: l’Arsenal, appunto. Una squadra che non è solo calcio, ma anche letteratura e musica e tassello fondamentae della cultura britannica. Non a caso citata spesso citato in opere di narrativa, in  film e in canzoni, da Nick Hornby agli Who.

Oggi tifare Arsenal va di moda,  ma all’epoca presa in esame meno. Lontano da Highbury affonda le sue radici in un altro calcio, quando i gunners avevano fama di squadra noiosa (il famoso «Boring, Boring Arsenal») e pragmatica fino all’eccesso. Eppure, dando  corpo al sogno vissuto dall’Arsenal nel corso dell’indimenticabile stagione 2001-2002, dalla prima  amichevole estiva col Boreham Wood fino alla conquista della FA Cup e al trionfo in Premier League, il libro di Frazzi è un monumento alla passione sportiva, il diario di un gooner confinato a Fidenza, a oltre mille chilometri e a qualche ora di volo da Islington, Londra Nord. Un amore appassionato, ma costretto ad essere platonico dalla lontananza.

Luca Frazzi risiede infatti a Fidenza, è una delle firme più conosciute nel panorama della stampa musicale specializzata italiana. Si occupa di punk e rock praticamente da sempre. Dirige
Sottoterra”, in passato è stato redattore per Rumore e fanzinaro e collaboratore de l’Ultimo Buscadero e Rockerilla. È autore di Mamma dammi la benza, documentario in tre puntate sulle
radici del punk italiano prodotto dal canale satellitare Jimmy, e conduttore radiofonico. Ha la casa piena di dischi, libri, riviste e altri oggetti superflui ed è un grande tifoso dell’Arsenal.

L’appuntamento sarà presentato dalla coppia composta da Matteo De Santis giornalista de La  Stampa e Gianluca Lorenzoni, redattore del web magazine di storytelling sul calcio Zona Cesarini e collaboratore di primapagina.

De Santis vive a Roma e dopo una lunga gavetta tra giornali di quartiere e radio locali, partita dai resoconti di tutti gli sport possibili a livello giovanile-dilettantistico è arrivato alle radiocronache della Serie A di basket; attualmente si occupa prevalentemente di calcio (ma non solo): prima sulle pagine sportive dei quotidiani “E Polis”, “Il Tempo” , adesso su quelle de “La Stampa”.  Gianluca Lorenzoni gioca in casa, è chiusino, scrive storie di calcio, anche quello di oggi, intrecciandole con la filosofia, la letteratura e la poesia e pure la politica.  Cerca la poesia,  il romanticismo e la follia nei gesti atletici o nell’indole di certi giocatori che con un tiro sbilenco possono insegnarti l’etica della sconfitta o con una rovesciata il valore della ricerca dell’impossibile, quindi della felicità… Insomma due tipi in linea con il racconto di Luca Frazzi e con la sua idea di calcio. Inglese certo, ma per certi versi universale (Frazzi non è inglese, infatti).

Saranno presenti all’incontro esponenti e giocatori della Asd Nuova Soc. Polisportiva Chiusi e ASD Città di Chiusi (gli “Autarchici”) e altre squadre amatoriali del territorio.
La rassegna “Gec and Book” che finora ha registrato un buon successo, con tutte le iniziative sold out, si chiuderà con l’appuntamento di sabato 22 Aprile, con Maurizio  Pratelli e Chiara Meattelli, “Vini e Vinili, 45 giri di bianco” al Ristorante Pesce D’Oro. E anche l’idea di abbinare presentazioni di libri a locali insoliti come bar, ristoranti e perfino gioiellerie si è rivelata azzeccata e vincente.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
, , , , ,
Mail YouTube

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...