Chiusi e Valdichiana: nessuno segue D’Alema, Bersani e Rossi. Scarsissimo l’effetto scissione. Normale?

giovedì 23rd, marzo 2017 / 12:32
Chiusi e Valdichiana: nessuno segue D’Alema, Bersani e Rossi. Scarsissimo l’effetto scissione. Normale?
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – Madonna che silenzio c’è stasera! E’ talmente abulica e affievolita la politica locale che nemmeno la scissione del Pd ha provocato il benché minimo sussulto.  Altrove qualche scossa è stata avvertita, qualcosa si è mosso o sta cominciando a muoversi. Scorrendo i social network, qua e là compaiono notizie e commenti sulla costituzione di Mdp-Art.1 cioè della nuova formazione costituita da Speranza, Bersani, D’Alema, Rossi & compagni. Qualcuno mette foto di sale gremite, con Baffino che sembra ringiovanito e fa il pienome ovunque… Anche nella vicina Umbria (foto).dalemino

A Chiusi, in Valdichiana e in provincia di Siena invece tutto tace. L’unico sussulto l’annuncio dell’addio al Pd e la scelta di andare con Mdp del vicesindaco di Siena Mancuso, subito invitato dal leader deiu renziani Scaramelli a dimettersi. Strano però che lo stesso invito Scaramelli non lo abbia rivolto anche ad Enrico Rossi, governatore della Regione di cui egli stesso è consigliere. Se si dimette Rossi, in Toscana si torna al voto e allora addio stipendio per chi siede attualmente in consiglio. Meglio un bell’accordo, una coalizione tra Pd e Mdp per portare a termine la legislatura o tirare avanti per un altro po’… sala piena

Dicevamo che a se altrove, quasi ovunque, da Milano al Piemonte, dalla Romagna all’Umbria, dalle Marche alla Campania la sinistra a sinistra del Pd, quella scissionista e ormai fuori dal partito di Renzi cerca di darsi una mossa e un minimo di organizzazione, qui da noi, la scissione è passata come acqua fresca. Ma è strano anche questo però, perché nel 2012 la componente bersaniana era presente e attiva. Tutti rientrati nei ranghi o – forse – già usciti in precedenza?

A Chiusi e in Valdichiana, al massimo ci sarà qualcuno che si posizionerà su Orlando o Emiliano (più il primo che il secondo) alla Primarie di fine aprile. Uno di questi sembra essere l’ex sindaco di Chiusi ed ex assessore regionale Ceccobao, che alcuni danno in pista, proprio a sostegno di Orlando.  Ma sono voci. Qualcuno dice di averlo avvistato due o tre volte in zona, e forse ha fatto due più due… Ma si tratta di segnali in codice, di avvistamenti come quelli degli ufo… Ceccobao, tra l’altro, è uno di quelli che a Chiusi tutti osannavano e ora nessuno conosce…

Neanche a Sarteano, dove tra un paio di mesi, massimo tre, si voterà per il sindaco e per il Consiglio Comunale, si è avvertito qualche movimento. Gli scissionisti sembrano non aver alcun seguito.

Alcuni ex esponenti della “corrente bersaniana” e di provenienza ex Ds del Pd, già alle elezioni comunali chiusine del giugno 2016 sostennero i podemos o votarono per loro. Ma non tutti. Però nessuno nessuno esce allo scoperto o prende in mano la bandiera dela scissione o della battaglia interna.

Per ora in vista della primarie Pd, l’unico comitato costituito in provincia è quello a sostegno di Renzi, con Scaramelli e Bettollini in prima linea.. Anche a Montepulciano è nato un comitato Renzi.

Niente di niente a favore di Art.1/Mdp, di Orlando o Emiliano, ma nemmeno a favore di Pisapia, o Fratoianni. Eppure l’arcipelago della sinistra a sinistra del Pd (senza contare le correnti interne al partito di Renzi) è dato complessivamente dai sondaggi tra il 10 e il 15%. Complessivamente, però, è un termine aleatorio. Perché per ora le isole dell’arcipelago non sono collegate tra loro né da ponti, né da traghetti di linea… c’è qualche scafista che prova a indicare una rotta, a gettare ancore qua e là, ma naviga a vista e alla fine è più il fumo dell’arrosto.  art.1

Qui, nel sud senese, non si intravedono neanche isolati scafisti…

E’ vero che questo territorio è diventato negli ultimi 5 anni una roccaforte renziana. Ed è vero che il Pd ha subito una mutazione genetica ed è diventato più simile alla Dc che al Pci. Ma è strano che in un territorio che dava al Pci, poi al Pds e ai Ds più del 60% dei voti, dove la “tradizione comunista” era forte e radicata, dove migliaia di persone seguivano D’Alema e Bersani e votavano per Enrico Rossi senza batter ciglio, adesso che Bersani, D’Alema e Rossi se ne vanno dal Pd nessuno li segua. Si dirà che gli scissionisti non hanno più grande credibilità dopo i danni che hanno prodotto, che hanno le loro colpe per l’avvento di Renzi, che non possono essere loro il nuovo che avanza o la medicina giusta per rivitalizzare la sinistra, che dentro al Pd la sinistra non c’è più da un bel pezzo e quindi non c’è nulla e nessuno che possa uscire… Tutto si può dire. Ma lo scarsissimo effetto-scissione è comunque strano e poco spiegabile. In questo territorio.

Va anche detto però, che pure i civatiani, quando Pippo Civati se ne è andato dal Pd, non lo hanno seguito…

S.S.Q.C, sono strani questi chianini, direbbe Asterix…

m.l.

 

 

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Mail YouTube

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...