C’E’ ANCHE IL PD: I 5 STELLE NON ANDRANNO ALLA MANIFESTAZIONE CONTRO IL ‘RADUNO’ DI CASA POUND A CHIANCIANO.

sabato 03rd, settembre 2016 / 13:03
C’E’ ANCHE IL PD: I 5 STELLE NON ANDRANNO ALLA MANIFESTAZIONE CONTRO IL ‘RADUNO’ DI CASA POUND A CHIANCIANO.
0 Flares 0 Flares ×

I 5 Stelle non aderiscono e non parteciperanno alla manifestazione indetta dall’ANPI Valdichiana per domani a Chianciano, per protestare contro il “raduno” nazionale di Casa Pound previsto a settimana successiva. Lo hanno resto noto i meet up del movimento di Chianciano, Chiusi, Montepulciano e Torrita di Siena.  Magari qualche altro meet up parteciperà. Vedremo. Le 4 organizzazioni pentastellate spiegano così le ragioni della presa di distanze dal’iniziativa:

I motivi di questa decisione sono diversi ma sostanzialmente riteniamo che queste risposte che la politica è abituata a dare non sono di alcuna efficacia e che servono solo al Pd e alla galassia di sigle che gli ruotano intorno a “riaccreditarsi” presso le popolazioni della zona a fronte dei disastri di governo a cui quotidianamente assistiamo.
Insomma, secondo noi questo è solo un modo strumentale di ricorrere alla retorica dell’antifascismo per nascondere le vergogne di tutti i giorni.
Nello specifico non dobbiamo dimostrare nulla perchè è la nostra azione quotidiana che parla per noi.
Non intendiamo in nessun modo adeguarci al giochino per cui solo se si partecipa a certe manifestazioni si ottiene la “patente di antifascisti”.
E tanto meno siamo disposti a farcela rilasciare da un Pd che sta cercando di manomettere la Costituzione nata dalla lotta antifascista.
D’altra parte è proprio l’Anpi ad ammonire: “i cittadini e le istituzioni che rivendicano il rispetto dei principi fondamentali della costituzione, sono chiamati ad assumere una responsabilità civica con la storia, l’attualità e il proprio futuro”.
Il Pd è, anche sotto questi aspetti, un pò fuori luogo…

Rispetto a Casa Pound, il governo ha tutti gli strumenti per bloccare l’attività di formazioni che fanno apologia di fascismo: intervenga!
Si consente che Casa Pound si presenti alle elezioni ma si vuole impedire che si riunisca a Chianciano!
In sostanza riteniamo che quella contro la presenza di Casa Pound a Chianciano sia solo una tempesta mediatica a fronte di un agire concreto della politica locale tutta tesa a smentire costantemente i principi e i valori fondanti della nostra Costituzione repubblicana“.

La manifestazione indetta dall’ANPI Valdichiana, cui hanno aderito alcuni comuni e altre organizzazioni, anche di opposizione al Pd, come Possiamo, non intende “impedire” il raduno di Casa Pound, ma far sapere che Casa Pound e i neofascisti non sono benvenuti a Chianciano e in Valdichiana e che questo territorio mantiene la discriminante antifascista come uno dei fondamenti della convivenza civile e democratica. E’ in sostanza una risposta preventiva ad un raduno nazionale di gente che ha dato spesso prove di intolleranza politica, xenofoba e razzista,  non senza episodi di violenza, anche se in qualche caso ha partecipato lle elezioni.

Certamente la stessa manifestazione avrebbe avuto più peso specifico e maggiore risonanza se fatta in concomitanza con la festa-convegno di Casa Pound, ma la decisione di organizzarla preventivamente, una settimana prima, ha lo scopo di evitare possibili momenti di tensione e di non esporre Chianciano e i cittadini a rischi inutili.

Il fatto che il Pd aderisca alla manifestazione e allo stesso tempo sia il principale sostenitore delle modifiche alla Costituzione è se mai una contraddizione del Pd. Anche se le modifiche proposte – alle quali anche questa testata è contraria – pur prefigurando assetti istituzionali diversi, non intaccano i principi fondamentali della Carta. In ogni caso per contrastare quelle modifiche ci sarà il referendum e la campagna referendaria. In questo caso si trattava e si tratta di prendere o meno le distanza da Casa Pound. E, in ogni caso, chi ha promosso la manifestazione è anche contro le modifiche alla Costituzione.

La posizione espressa dai 4 meet up dei 5 Stelle sembra insomma la solita, reiterata, dichiarazione di equidistanza tra destra e sinistra e un modo strumentale per attaccare non tanto Casa Pound quanto il Pd. Un Pd che ha tanti difetti, che è ormai un partito di plastica, neodemocristiano, pieno di indagati e condannati, sempre più distante dai valori della sinistra, ma non è Casa Pound che sfoggia croci celtiche, svastiche, fasci littori e saluti romani  e non fa mistero di richiamarsi al fascismo mussoliniano dei primordi e a quello sanguinoso della Repubblica di Salò.

Insomma i 5 Stelle di Chianciano, Chiusi, Montepulciano e Torrita hanno voluto rimarcare la loro “differenza”. E non partecipare alla manifestazione è legittimo. Ma forse avrebbero fatto meglio a non andare rimanendo in silenzio.

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Mail YouTube

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...