MONTEPULCIANO: BILANCIO POSITIVO PER IL “CANTIERE”. UN FESTIVAL CAPACE DI FAR VENIRE GRATIS IL REGISTA D’OPERA PIU’ PAGATO AL MONDO…

mercoledì 03rd, agosto 2016 / 17:36
MONTEPULCIANO: BILANCIO POSITIVO PER IL “CANTIERE”. UN FESTIVAL CAPACE DI FAR VENIRE GRATIS IL REGISTA D’OPERA PIU’ PAGATO AL MONDO…
0 Flares 0 Flares ×

MONTEPULCIANO – Certo la cornice aiuta. E la “cornice” di Piazza Grande a Montepulciano è di quelle che tolgono il fiato. Qualunque dipinto in una cornice del genere sembra un Picasso. Non c’è in Italia una piazza in cui abbiano messo le mani praticamente in contemporanea Baldassare Peruzzi, Antonio da Sangallo, Ippolito Scalza e il Vignola… I più grandi architetti del Rinascimento.  E’ una sinfonia, più che una piazza. Una sorta di città ideale. Ed è chiaro che il Concerto di chiusura del Cantiere Internazionale d’Arte, che si tiene  tradizionalmente in quella piazza sia di per sé e sempre un evento straordinario. Così è stato anche domenica scorsa quando l’orchestra diretta da Roland Böer ha chiuso l’edizione n.41 del festival poliziano. Edizione che ha riproposto l’opera “Pollicino” del fondatore del Cantiere Hans Werner Henze, che fu allestita per la prima volta nel 1980 e poi nel 1995. I bambini-attori di allora adesso sono diventati adulti ma anche quest’anno l’opera di Henze ha registrato un grande successo. Pollicino_foto-Irene-Trancossi5

Per 16 giorni si sono susseguiti a Montepulciano e nella Valdichiana senese 55 spettacoli, oltre ai numerosi concerti estemporanei improvvisati dagli oltre 400 artisti impegnati nelle diverse produzioni. Tutte le esecuzioni sono state ispirate al tema portante “Natura e Tecnologia”. Soddisfatti gli organizzatori, che parlano di spettatori aumentati del 36% in confronto con la media del triennio precedente. La manifestazione si è appena conclusa, ma è già arrivata la conferma, anche per il 2017, della direzione artistica a Roland Böer che già si è messo al lavoro per la prossima edizione che avrà come tema “Contemplazione ed estasi”.

E’ un Böer soddisfatto anch’egli: “È stata un’edizione molto ricca e gratificante, un’atmosfera veramente entusiasta, abbiamo avuto un ottimo riscontro di pubblico e stampa. Il Cantiere un evento davvero speciale: ricorderò sempre quando il sovraintendente dell’opera di Strasburgo mi chiese come avevo fatto a portare qui Keith Warner, uno dei registi d’opera più costosi del mondo; io gli risposi che il segreto stava nel fatto che non lo pagavo. È venuto qui di sua iniziativa, per amore dell’arte”.

Potenza della lirica, verrebbe da dire…

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Mail YouTube

No Banner to display

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...