IL RITORNO DEL SANTO ANELLO A CHIUSI: “APERTURA” DEL CARDINAL BASSETTI. LA TRATTATIVA E’ AVVIATA…

lunedì 04th, luglio 2016 / 16:29
IL RITORNO DEL SANTO ANELLO A CHIUSI: “APERTURA” DEL CARDINAL BASSETTI. LA TRATTATIVA E’ AVVIATA…
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI –  Non ha detto di no. Anzi ha aperto uno spiraglio il Cardinal Bassetti, arcivescovo di Perugia e Città della Pieve, circa la possibilità di riportare a Chiusi, temporaneamente e in determinate circostanze il “Santo Anello” della vergine Maria… Certo non siamo alla restituzione del maltolto, dato che l’anello fu trafugato da un frate tedesco prezzolato nel 1473 dalla Chiesa di San Francesco a Chiusi e portato a Perugia, dove la reliquia fu usata per attrarre pellegrini e aumentare il business della chiesa locale. Ma è già un passo avanti. Mons. Chiaretti lo ha detto ieri nell’omelia del solenne pontificale in onore di Santa Mustiola, patrona della città, a Chiusi, in una cattedrale piena di fedeli. Certo prima di  ipotizzare un trasferimento, ancorché temporaneo, l’anello andrà sottoposto ad opportuno restauro, onde evitare che lo stress da movimentazione e trasporto possa metterne a rischio l’integrità. Che sia o meno l’anello donato da San Giuseppe alla Madonna è pur sempre un oggetto di 2000 anni fa… Comunque, come avevamo ipotizzato prima della visita a Chiusi del cardinal Bassetti, la trattativa si è aperta e sembra ora approdata ad uno stadio più avanzato. Il sindaco Bettollini ha espresso, tramite un comunicato stampa, la sua soddisfazione. Certo non è che  chiusini non ci dormano la notte… Non è che quell’anello di onice (vero o presunto che sia) sarà il “richiamo” per  milioni di turisti e fedeli devoti. Non siamo più nell’epoca in cui le reliquie della terra santa muovevano fiumi di pellegrini, ma è indubbio che il turismo religioso rappresenti una fetta importante del turismo italiano e Chiusi, che già ha una cattedrale tra le più antiche d’Italia e le catacombe, testimonianza ancora tangibile del Cristianesimo dei primordi, con l’anello della madonna, anche solo per una settimana all’anno potrebbe avere un ulteriore elemento di attrazione… Del resto lo “sposalizio della vergine” è un evento immortalato da due dei più grandi pittori di tutti i tempi, maestro e allievo, peraltro. Uno addirittura quasi conterraneo di Chiusi: Il Perugino e Raffaello. Il Cardinal Bassetti, nell’omelia chiusina ha ricordato la storia e la leggenda del “santo anello” e non ha nascosto il fatto che l’anello fu trafugato da Chiusi e portato a Perugia proditoriamente da un frate tutt’altro che osservante dei comandamenti, in particolare del settimo: non rubare. Lo stesso sindaco Bettollini, soddisfatto delle parole e dell’apertura di Chiaretti, sembra accontentarsi del “prestito con diritto di riscatto” da parte di Perugia, per un periodo limitato. Non si è spinto oltre, per ora. A voler essere pignoli, invece, la battaglia dovrebbe prevedere la restituzione a titolo definitivo della reliquia. Visto che fu rubata  – e questo è appurato – per quale ragione deve rimanere a Perugia? Nell’anno del giubileo della misericordia la chiesa perugina potrebbe dare un segnale di in tal senso… ma anche per la Chiesa spesso il business è più forte della misericordia. Già dal 1473…

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Mail YouTube

No Banner to display

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...