CHIUSI, DOPPIA FESTA: NEL CENTRO STORICO LE CELEBRAZIONI PATRONALI, ALLO SCALO DUE “SHOPPING NIGHT”

CHIUSI, DOPPIA FESTA: NEL CENTRO STORICO LE CELEBRAZIONI PATRONALI, ALLO SCALO DUE “SHOPPING NIGHT”
0 Flares 0 Flares ×

DA QUESTA SERA A DOMENICA…

CHIUSI – E’ un paese strano, Chiusi. Anzi una città strana. Sì perché Chiusi, al di là delle dimensioni e del numero degli abitanti, in calo da una ventina d’anni, è e resta una città. Il rango glielo conferì il Duce. Regalando pure una Lupa capitolina che fu posta sotto alla torre campanaria del Duomo (poi rubata e sostituita con una copia). E’ una città strana Chiusi perché per mesi vive sonnecchiando e ad un tratto si sveglia e spara iniziative a raffica. Anche in concomitanza.

Ecco che mentre nel centro storico si celebra la festa patronale di Santa Mustiola (che sarebbe la festa di tutta la città, non solo del centro storico), alla Stazione, cuore pulsante dell’economia locale, si fa la “Shopping Night“. Anzi due Shopping Night: questa sera 1 luglio e domani 2 luglio, con menù dedicati nei ristoranti,  musica, animazione e negozi aperti fino a tardi. E sabato anche la partita Italia-Germania, con maxi schermi.

A Chiusi città non l’hanno presa benissimo, ma le date disponibili prima dell’arrivo dei saldi estivi non erano molte, tra una settimana (venerdì 8 e sabato 9) ci sarà il Lars Rock Fest, per il quale si attende qualche migliaio di persone... E allora nel centro storico e al lago si celebra la Santa Patrona e nelle vie dello Scalo si santificherà il… mercato. Che in tempi di crisi ha bisogno di iniziative che possano richiamare gente e stimolare gli acquisti. Chi sarà impegnato o vorrà seguire le notti dello shopping, potrà comunque celebrare Santa Mustiola domenica 3…

Abituati al nulla pressoché cosmico del resto dell’anno, se per una volta ci sarà l’imbarazzo della scelta tanto meglio. E va detto che a Chiusi Scalo dopo anni di buio e di economia di sopravvivenza, anche gli esercizi commerciali e bar e ristoranti sembrano aver voglia di provare a dare una scossa all’ambiente…  L’adesione al concorso per la “vetrina rock” legato al festival della prossima settimana ne è un esempio. Ma anche l’allestimento di gazebo e spazi con i tavoli all’aperto conferisce al centro dello Scalo un’immagine da cittadina più vivace, più illuminata, più rumorosa. Diciamo pure da città vera, vivibile e vissuta e non da paese fantasma. E questo è un bene. Un’offerta più ampia, più diversificata, è anche l’unica possibilità per richiamare gente da fuori, dai paesi limitrofi, ma non solo… Chiusi Scalo un tempo aveva questa funzione. Poi via via l’ha persa. Ora prova a riconquistare terreno. Molti esercenti sono giovani, hanno voglia di fare e loro stessi non sono chiusini…

A dire il vero qualcosa si  è mosso ultimamente e si muove anche nel centro storico dove adesso si attende il momento clou del Festival Orizzonti che sarà una vera e propria cartina di tornasole.

Così come una rondine non fa primavera, quattro tavoli davanti ai ristoranti, o qualche notte rosa-shopping non fanno di per sé una rivoluzione commerciale, ma aiutano…

Ed è un bel segnale vedere tante persone e anche gli stessi commercianti e ristoratori chiusini fare gli auguri, via facebook, alla rock band locale dei “Dudes” che domani, 2 luglio, suonerà all’Alcatraz di Milano (uno dei templi della musica live in Italia) alla finale nazionale dell’Emergenza Festival, insieme ad altre 37  band. I chiusini Dudes rappresenteranno l’Umbria, dopo aver vinto la selezione perugina. “Un orgoglio per Chiusi” ha scritto l’associazione Chiusinvetrina, quella che organizza le Shopping Night. La città insomma comincia a far quadrato intorno alle proprie peculiarità. Se saranno anche eccellenze si vedrà più avanti…

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Mail YouTube

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...