CARO COSTO’ IL BESTEMMIONE. PER GLI AUTARCHICI UNA SCONFITTA CHE SERVIRA’ DA LEZIONE…

martedì 20th, ottobre 2015 / 10:15
CARO COSTO’ IL BESTEMMIONE. PER GLI AUTARCHICI UNA SCONFITTA CHE SERVIRA’ DA LEZIONE…
0 Flares 0 Flares ×

CHIUSI – Può capitare di perdere una partita per uno svarione allo scadere… Gli “Autarchici” chiusini, domenica scorsa, contro il Tressa l’hanno persa per una parola di troppo. Probabilmente un bestemmione, costato l’espulsione del fantasista Andrea Della Ciana. Fino a quel momento (20 minuti dalla fine) la partita era rimasta bloccata sullo 0-0 e in sostanziale equilibrio. Possesso palla e gioco in mano ai padroni di casa e biancorossi chiusini bene organizzati in difesa e pronti a ripartire in contropiede… Poi il patatrac e la debacle: tiro a giro sul secondo palo che trafigge un incolpevole Toppi e un contropiede ben gestito, con cross dalla sinistra e la punta che insacca ancora: 2-0 e tutti a casa.

Insomma per la ASD Città di Chiusi una trasferta amara. E un passo indietro rispetto alle belle prestazioni fornite contro Radicondoli e Meroni…

E 7 goal subiti in 3 gare sono un campanello d’allarme. Decisamente troppi, ma tra rigori, contropiedi beffardi e decisioni alquanto dubbie dei direttori di gara, la colpa non è da attribuire tutta alla disposizione in campo o al pacchetto difensivo, formato da Francesco Ferretti, Luca Pazzaglia e Lorenzo Feri… roba che in terza categoria hanno in pochi.

La squadra sembra più tosta dell’anno passato, ma anche in questa stagione sembra ancora troppo “umorale”, e un po’ incompiuta. Una volta la sfortuna, una volta l’arbitro, una volta il nervosismo di qualche giocatore, manca sempre qualcosa per recitare la parte più importante in commedia, ovvero la parte della squadra da battere, quella che punta a alla promozione… Il Tressa, per esempio è una di queste. E alla prima occasione buona ha colpito. Alla seconda ha chiuso la partita.

A volte le sconfitte sono lezioni da cui trarre profitto. Se vale per la Fiorentina, dopo il 2-1 rimediato a Napoli, non può valere anche per gli “autarchici” discendenti di Porsenna?

 

 

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Mail YouTube

No Banner to display

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...