“IL PALASPORT NUOVO? LO FACCIO IO. HO UN MILIONE DI EURO CASH!” SCARAMELLI NON RINUNCIA E RILANCIA. E’ CAMPAGNA ELETTORALE?

martedì 17th, marzo 2015 / 11:02
“IL PALASPORT NUOVO? LO FACCIO IO. HO UN MILIONE DI EURO CASH!” SCARAMELLI NON RINUNCIA E RILANCIA. E’ CAMPAGNA ELETTORALE?
15 Flares 15 Flares ×

CHIUSI – Il sindaco di Chiusi Stefano Scaramelli è un inguaribile ottimista. E in perfetto stile renziano (ce poi è simile allo stile berlusconiano) anche dopo una, due, tre docce fredde non si perde d’animo e rilancia. A mezzo stampa, così fa più chiasso. Il nuovo palasport targato Emma Villas salta e la squadra del presidente Bisogno andrà a giocare a Siena in caso di promozione in A2? Pazienza, dice Scaramelli. Ma il palasport si farà lo stesso. Anzi la famosa “Cittadella dello sport” non solo un palazzetto. E sempre laggiù, in località Pania, al posto dello stadio incompiuto. A realizzarla sarà direttamente il Comune. E con soldi suoi, senza dover chiedere mutui o fideiussioni a nessuno.

Poi, se la Emma Villas vorrà tornare a giocare la serie A a Chiusi tanto meglio, se no ci giocherà qualcun altro. O sarà comunque una struttura sportiva in più, necessaria ad alleggerire il palaFuccelli e le palestre delle scuole. Ma con quali soldi Scaramelli pensa di realizzare la Cittadella dello sport? Con quelli risparmiati dal mutuo già acceso a suo tempo per lo stadio, che sono “vincolati” e utilizzabili solo per finanziare impianti sportivi.

L’intenzione è quella di riutilizzare le strutture già presenti a Pania (tribune, spogliatoi, sale di servizio, impianti ecc.), realizzare una copertura per almeno 800 posti (il palasport), ma con possibilità di costruire altre tribune in un secondo tempo. Poi oltre al palazzetto, anche una piscina, sportiva naturalmente e all’aperto e un’area verde ad uso degli sport “di corsa”.  Il progetto insomma è più o meno come quello presentato un mese fa da Bisogno & C. e poi ritirato. Magari un po’ meno lussuoso. Anche perché i soldi pronti il comune ce li ha, ma si tratterebbe di un milione di euro. Il progetto Emma Villas prevedeva una spesa di almeno un milione e mezzo. Però ci sono imprese pronte a farci un pensierino, non si trova tutti i giorni, di questi tempi, un milione di euro cash, pronti all’uso. Probabilmente  si impiegheranno materiali meno costosi: ferro invece del legno lamellare, per esempio.

Il problema però è: senza la certezza di avere una squadra da serie A che ci giochi e una gestione professionale come poteva essere quella di Emma Villas, a cosa servirà il palasport nuovo a Pania, oltre a rappresentare il fiore all’occhiello della campagna elettorale di Scaramelli, per le regionali? Il dubbio sorge spontaneo. E perché il Comune non ha messo sul piatto questa ipotesi, invece di imbarcarsi in quel bando e in una operazione “ibrida” che alla fine non ha dato esiti, anzi ha creato aspettative e per poi “gelarle” all’improvviso?

Ora Scaramelli rilancia, non vuole rinunciare alla bandiera della sua campagna elettorale e vuole lasciare un segno tangibile del suo passaggio, oltre i marciapiedi e i giochini, prima di trasferirsi a Firenze. Ma il cambio di marcia repentino, questo modo di affidarsi all’annuncio, più che alla riflessione e alla programmazione concertata e ponderata, non è altro che l’ennesima prova di una certa approssimazione dell’amministrazione comunale. Un’amministrazione che cerca scappatoie più che progettare il futuro. Ora il sindaco di Chiusi si mette pure a fare braccio di ferro con il suo collega senese Valentini per assicurarsi le partite di volley ed è ovvio che la sfida non è alla pari.

Può anche darsi che, presentandosi con i soldi in mano, riesca pure a farlo un palasport nuovo, da qui al giugno 2016, non prima (ma non era stato lui a dire, qualche settimana fa “in due mesi apriamo i cantieri”?), ma per chi lo farà? Se il volley, quello da serie A – ammesso che la Emma Villas ci vada in A2, perché ancora la promozione è tutta da conquistare- traslocherà a Siena, anche la “cantera” Emma Villas piano piano si trasferirà nel capoluogo. E magari perderà il nome Chiusi e prenderà quello della Città del Palio, come la Trasimeno Volley diventò Perugia Volley. A Chiusi cosa rimarrà? Le ragazze della Mb, forse. La serie C maschile non è detto, visto che già adesso è praticamente la under 19 della prima squadra…

Insomma, come abbiamo già avuto modo di scrivere, la scelta di Emma Villas di emigrare a Siena è del tutto legittima e comprensibile. E normale. Ma Chiusi, che ha coltivato per due anni il sogno serie A, potrebbe ritrovarsi con un palazzetto nuovo, ma senza più il volley. Al di là degli annunci elettorali di Scaramelli. E a Chiusi, senza il volley un palazzetto nuovo serve a poco. Al massimo serve a mettere una toppa sullo scandalo dello stadio, che al momento, dopo la rinuncia di Emma Villas, rischia di rimanere tale. Uno scandalo e un monumento allo spreco. Può anche essere una soluzione ragionevole. Ma è il metodo che ancora una volta non convince affatto.

15 Flares Twitter 0 Facebook 15 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 15 Flares ×
, , , ,
Mail YouTube

No Banner to display

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...