OSCURA MORTE DI UN CARABINIERE ORIGINARIO DELL’ORVIETANO. UN ALTRO CASO-MASSINELLI?

venerdì 28th, novembre 2014 / 19:13
OSCURA MORTE DI UN CARABINIERE ORIGINARIO DELL’ORVIETANO. UN ALTRO CASO-MASSINELLI?
9 Flares 9 Flares ×

ORVIETO –  Un colpo di pistola al petto e un messaggio di addio affidato a Facebook, dai toni inquietanti: «Stanno arrivando per chiudere la mia bocca per sempre». Un carabiniere trentenne, Luis Miguel Chiasso, originario di Monterubiaglio, nei pressi di Orvieto, è stato trovato morto martedì notte nella caserma romana «Salvo D’Acquisto» dove prestava servizio, subito dopo aver telefonato ai genitori.

Il corpo è stato trovato dai colleghi. Era disteso in terra in una pozza di sangue nella sua stanza chiusa a chiave dall’interno. Qualche minuto prima Luis Miguel avrebbe telefonato, chiedendo aiuto, al 112, e il carabiniere che ha risposto lo avrebbe sentito in evidente stato confusionale, dando poi l’allarme.

Chiasso, in qualità di doppiatore, dava la voce al personaggio di fantasia Adman Kadmon, interprete di teorie complottiste nella trasmissione tv «Misteri».

Il testo che il carabiniere aveva lasciato su Facebook, come messaggio di addio, dice: «Ciao popolo. Vi prego condividete e urlate al mondo intero. Sono Luis Miguel Chiasso qualcuno mi conosce, sente le mie parole alla TV, mi sono creato il personaggio con un attore di Adam Kadmon, vi avevo promesso che avrei levato la maschera, come faccio a sapere tante cose? Semplice, lavoro per i servizi segreti italiani e internazionali, sto vedendo cose a noi sconosciute cose non di questo mondo ma dei nostri creatori, purtroppo sapere determinate cose porta alle responsabilità, mi resta poco da vivere so già che stanno arrivando per chiudere la mia bocca per sempre. Anni fa giurai questo ‘Giuro di essere fedele alla Repubblica italiana, di osservarne la Costituzione e le leggi e di adempiere con disciplina ed onore tutti i doveri del mio stato per la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni‘. E ora popolo vi dico combattete ribellatevi fate che la mia morte non sia vana perché il popolo ha il diritto alla disobbedienza verso il governo quando questo perda legittimità agendo fuori dai limiti del mandato e il diritto all’uso consapevole dell’illegalità giustificato dallo stato di guerra che i governanti, tradendo il patto, avrebbero ripristinato».

Il trentenne carabiniere Luis Miguel Chiasso era nato in Bolivia ed era stato adottato da una coppia di Monterubiaglio.

La porta della stanza chiusa dall’interno fa pensare al suicidio come ipotesi più probabile. Ma il post su facebook, la telefonata al 112 aprono scenari poco chiari e l’episodio fa tornare alla mente la morte in circostanze oscure e misteriose di un altro giovane carabiniere, anche quella rubricata come suicidio. Parliamo del caso di Marco Massinelli, 26enne carabiniere di Castiglione del Lago, scomparso per diversi giorni e poi trovato cadavere il 16 marzo 2012 nell’appennino toscano a nord di Firenze.  Un suicidio a cui la madre e gli amici non hanno mai creduto…

9 Flares Twitter 0 Facebook 9 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 9 Flares ×
Mail YouTube

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...