POLITICA. INTERVISTA A FAUSTO SCRICCIOLO

lunedì 08th, settembre 2014 / 18:32
POLITICA. INTERVISTA A FAUSTO SCRICCIOLO
47 Flares 47 Flares ×

Salci, Alta Velocità e un primissimo bilancio i temi trattati

Città della Pieve. Fausto Scricciolo, Sindaco di Città della Pieve, in questo anno ha prima vinto, contro i pronostici le Primarie PD a Marzo, poi è diventato Sindaco il 25 Maggio con 2469 voti. E’ già possibile fare un primissimo bilancio della sua esperienza da primo cittadino? Come andrà a finire la scelta della Stazione dell’Alta Velocità? Molti ricordano il comunicato del 25 Luglio di quest’anno, in cui, Scricciolo, insieme al Sindaco di Fabro, Terzino, affermavano tra l’altro: “Il sindaco di Città della Pieve Fausto Scricciolo insieme al sindaco del Comune di Fabro Maurizio Terzino, individuano la stazione ferroviaria di Ponticelli – Città della Pieve come sito logistico per la fermata dell’alta velocità Media Etruria in Umbria. Ponticelli punto di confine tra Umbria e Toscana è anche l’unico sito dove la linea lenta e direttissima corrono parallele, le infrastrutture sono già esistenti e sarebbero quasi pronte per la messa in opera del possibile progetto”. Abbiamo fatto qualche domanda a Scricciolo, partendo dalla tematica Salci, riportata alla ribalta da un recente articolo di Lettera43.it.

1)     Vicenda Salci. Un commento di un Sindaco insediato da poco

Da un tuo articolo apprendo che il patrono di Salci è San Leonardo, che si festeggia il 6 Novembre. Potremmo ripartire da tale data, con una celebrazione a cui far seguire un incontro pubblico, per valutare idee e proposte che abbiano come obiettivo quello di avviare un percorso che favorisca il recupero di uno di dei luoghi più cari ai Pievesi che, per ora, è e rimane una ferita aperta.

Non escludo a tale proposito la possibilità di avviare azioni dirette tese ricercare possibili soluzioni per contrastare lo stato di degrado, incuria ed abbandono in cui versa l’intero borgo.

 

2)     Un suo primo bilancio da Sindaco

Sono passati solo tre mesi, un tempo troppo breve per fare bilanci, tre mesi che sono serviti a fare squadra con i miei collaboratori, ad apprezzarne lo spirito,  il dinamismo e la voglia di fare, a prendere contatto con la macchina amministrativa, a rendermi conto delle enormi potenzialità umane che ci sono, a conoscere tantissimi problemi di questa stupenda Città e del suo territorio. Un periodo breve ma che ci ha visto approvare il bilancio di previsione, avviare importanti dialoghi e progetti di cui presto daremo informazione, confermare la presenza dell’Ufficio del Giudice di Pace, riorganizzare accessi e soste nel centro storico e comunque intervenire su tantissime problematiche legate a manutenzioni ordinarie e straordinarie su strade, scuole, immobili comunali, aree verdi.

3) Questione Alta velocità e Ponticelli

La stazione a Ponticelli, o comunque in questa area, non è una fantasia. E’ una possibilità concreta di cui tutti coloro sono coinvolti nelle scelte debbono necessariamente ed opportunamente tenere conto. Da sempre Chiusi-Chianciano Terme è stata la stazione intermedia tra Firenze e Roma e le soluzioni sinora prospettate, che vorrebbero spostare verso Arezzo questa fermata, hanno solo il sapore di convenienze politiche. L’equidistanza tra Firenze e Roma si realizza in questa area che ha anche le migliori condizioni tecniche. La limitrofa presenza di due caselli autostradali e la vicinanza con le principali altre direttrici viarie ne fanno la collocazione ideale. Di fronte a ciò solamente uno studio che oggettivamente dimostri condizioni più vantaggiose può giustificare soluzioni diverse. E’ comunque certo che le popolazioni e le rappresentanze politiche di quest’area non staranno a guardare, come dimostrano gli interventi ed i provvedimenti sin qui assunti.

4) I tuoi progetti futuri

Nel cassetto ce ne sono molti. Quelli a cui teniamo di più sono legati alla scuola, alla sanità, all’assetto urbano ed al “ruolo” di Città della Pieve.

Per la scuola vorremmo arrivare al completamento di una serie di interventi che consentano la riqualificazione di tutti i plessi scolastici con il pieno svolgimento di tutte le attività ed un ampliamento della stessa offerta formativa.

Per la sanità lavoreremo per completare la riconversione del plesso che prevede l’apertura del centro di riabilitazione (20 posti letto), l’ampliamento dei reparti di lungo degenza e quello per i disturbi alimentari, l’attivazione delle attività di chirurgia ambulatoriale e la piena funzionalità del centro di salute.

Per l’assetto urbano prevediamo di avviare e completare gli interventi necessari a favorire la piena accessibilità al centro storico migliorando la rete dei parcheggi esterni per garantire una riduzione del traffico cittadino e liberare così le piazze più importanti della città dalle auto.

Per il ruolo, siamo convinti che Città della Pieve deve sempre più caratterizzarsi come centro culturale di questa area, una vocazione naturale legata alle ricchezze artistiche, storiche, documentali, architettoniche, paesaggistiche e naturali. Riaffermare questa peculiarità significa anche lavorare per qualificare sempre di più l’aspetto di città d’arte e quindi la capacità di attrazione turistica.

David Busato

47 Flares Twitter 1 Facebook 46 Google+ 0 Email -- LinkedIn 0 Pin It Share 0 47 Flares ×
, , ,
Mail YouTube

No Banner to display

Seguici su Facebook

La nostra newsletter

Loading...Loading...